La fine del supporto a Xp traina il mercato Pc in Europa

ManagementMarketingSistemi OperativiWorkspace
Quiz: che cosa ricorderete di Windows Xp?
1 0 Non ci sono commenti

I dati a livello globale fotografano ancora il calo del mercato Pc. Ma Context osserva l’impatto della fine del supporto di Xp sul mercato Pc desktop in Europa: a gennaio crescita a doppia cifra

L’8 aprile scadrà il supporto a Windows XP, un sistema operativo longevo in Italia per aziende con hardware vecchio e molte applicazioni customizzate. La deadline è segnata e milioni di Pc, se non saranno aggiornate a nuovo OS, rischiano di rimanere senza patch e senza aggiornamenti di sicurezza. Microsoft sta incoraggiando gli utenti di Windows XP ad aggiornare i loro sistemi, mettendo in luce i potenziali rischi di sicurezza in aumento a causa del prolugamento dell’uso di Xp oltre l’8 aprile: anche se non sarà l’ “apocalisse di Xp”, la fine del supporto potrebb voler dire che utenti consumer, business ed agenzie governative incorrano in perdita di dati o denaro.

La società d’analisi Context prevede che la fine di XP spinga le vendite di Pc desktop in Europa, rivitalizzando il mercato Pc, in calo. Le vendite dei Pc desktop a gennaio hanno registrato un aumento record del 13,6% anno su anno, nostante il calo del mercato Pc. Context ha misurato le vendite agli utenti e non le vendite dai vendor.

La crescita spicca nel segmento business, dove le vendite di desktop per unità sono cresciute del 7.3%, trainando una crescita consolidata del 6.6% nei Pc per il business. Comunque, la sostituzione di XP non è l’unico fattore a guidare la cresvita. Una relativamente debole domanda in alcuni Paesi europei un anno fa e  la regolare sostituzione stanno aiutando a dipingere un quadromigliore nelle vendite desktop.

La crescita si riflette nelle versioni Windows dedicate al business. La coppia Windows 7/8 rimane l’OS più popolar con un market share del 55.8% a gennaio, nonostante il calo del mese precedente Win7/8.1. Windows 8 detiene il 12.6% di quote di mercato.

Quando si effettua un upgrade, ricordiamo alcune semplici regole, redatte da eWeek: il back up dei dati mission-critical; la scelta fra Windows 7 e Windows 8.1 deve essere ben ponderata per non intaccare la produttività dei dipendenti, disorientati dall’interfaccia a mattonelle, anche se il bottone Start è stato in qualche misura ripristinato (in azienda molti utenti però preferiscono Seven, più collaudato); chi può permettersi un altro anno con Xp, nonostante la fine del supporto, può aspettare Windows 9 con il ritorno dell’autentico bottone Start; ma forse, sarebbe meglio testare nel frattempo Windows 7, evitando di passare 12 mesi con un OS privo di supporto; Windows 7 può garantire la business continuity in molti settori; potrebbe essere l’ora di prendere in considerazione la Mobilità con tablet o ibridi.

– Leggi anche: Bonatti: La fine del supporto a Windows Xp smuoverà le aziende

L'8 aprile termina il supporto tecnco di Xp: l'impatto sul mercato Pc secondo Context
L’8 aprile termina il supporto tecnco di Xp: l’impatto sul mercato Pc secondo Context
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore