La Fondazione JS entra nell’orbita di Linux Foundation

Sistemi OperativiWorkspace
Il Comune di Roma passerà al software libero
1 0 Non ci sono commenti

Il progetto intende sostenere i progetti che fanno uso del linguaggio JavaScript: ora fa parte delle iniziative di Linux Foundation. La Fondazione collaborerà fianco a fianco con W3C, WHATWG e ECMA TC39, e con Node.js Foundation

Linux Foundation, dal 2007 impegnata a spingere la crescita e la diffusione del kernel open source, alla OSCon Europe, ha annunciato che la JS Foundation è entrata nella sua orbita. La Fondazione JS fa ufficialmente parte delle iniziative targate Linux Foundation, grazie al ruolo di primo piano rivestito da JavaScript nei contenuti dinamici del Web. JavaScript è infatti uno dei linguaggi più popolari per lo sviluppo del web.

Il progetto intende sostenere i progetti che fanno uso del linguaggio JavaScript, favorendo best practice e promuovendo standard in grado di assicurare qualità e supporto a lungo termine: “La JS Foundation mira a sostenere una vasta gamma di tecnologie che completano i progetti attraverso tutto l’ecosistema JavaScript. – Ha precisato Kris Borchers, direttore esecutivo della Fondazione – JavaScript è una tecnologia pervasiva, che sfuma i confini tra server, client, cloud e IoT. Accogliamo qualsiasi progetto, organizzazione o sviluppatore che cerchi di aiutare a rafforzare la community JavaScript e di stimolare la prossima ondata di crescita per lo sviluppo di applicazioni“.

La Fondazione JS entra nell'orbita di Linux Foundation
La Fondazione JS entra nell’orbita di Linux Foundation

L’API di WebVR, per rendere il web in futuro fruibile via realtà virtuale. è sviluppata in linguaggio JavaScript. WebVR abilita la compatibilità tra i siti web creati, sfruttando lo standard WebVR e i device di realtà virtuale. Google Chrome in versione Dev (quella che precede la Beta) integra una shell specifica: si tratta della VR Shell, che consente agli utenti di navigare il web usando dispositivi come il Google Cardboard o i dispositivi pronti per Google Daydream.
Anche Electron, l’engine creato da GitHub, che ha consentito lo sviluppo di app per l’ambiente desktop, è scritto in Javascript.

La Fondazione collaborerà fianco a fianco con enti, impegnati nel supporto degli standard aperti, come W3C, WHATWG e ECMA TC39 su cui si basano gli sviluppatori di browser e non solo. La Fondazione lavorerà anche con Node.js Foundation.

Ecco l’elenco dei progetti iniziali sostenuti dal Programma di tutoraggio della Fondazione JS: Appium, un server Node.js open source usato per automatizzare il nativo Web mobile e le applicazioni ibride sulle piattaforme iOS e Android e sulla piattaforma universale Windows; Interledger.js, dedicata a pagamenti e micropagamenti istantanei in ogni valuta; JerryScript, motore light per dispositivi IoT; Mocha, una struttura di collaudo JavaScript; Moment.js, una libreria JavaScript leggera usata per le date e il fuso orario; Node-RED, un ambiente di programmazione fondato su flusso costruito su Node.js. Ma l’elenco è in progressiva via di definizione: l’ampliamento è garantito.

Whitepaper – Sei interessato ad approfondire l’argomento? Scarica il whitepaper: Sei requisiti chiave per il successo nell’application economy

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore