La formazione è la base della qualifica di artigiani e Pmi

FormazioneManagement

Sono già quasi 190mila le imprese che hanno aderito alle opportunità offerte
da Fondartigianato

Più formazione continua nelle imprese. Questa la via per evitare il declino dell’economia italiana e rilanciare la competitività del nostro sistema imprenditoriale. Una sfida raccolta dal settore artigiano che con Fondartigianato, il fondo interprofessionale per la formazione costituito da Cna, Confartigianato, Casartigiani, Claai e Cgil, Cisl, Uil ha ottenuto l’adesione di quasi 190mila imprese con 766.500 dipendenti su un totale di 1 milione e 600mila di tutto il comparto.

La performance di Fondartigianato dal novembre 2004 al dicembre 2006 è stata ragguardevole: 740 piani nazionali, 1.674 progetti che hanno coinvolto oltre 5000 imprese e 24.400 lavoratori. E ancora oltre 859mila di ore di formazione, per un totale di 25.411.000 euro di risorse impregnate a cui si sommano i quasi 6 milioni delle imprese.

Dal giugno di quest’anno al novembre del 2008 saranno a disposizione oltre 40 milioni di euro, che diventeranno 50 con i contributi aziendali. «Quella che abbiamo di fronte è una grande opportunità sia per la piccola impresa sia per l’economia del Paese – ha dichiarato Gian Carlo Sangalli, segretario generale della Cna -. Qualificare al meglio il capitale umano che abbiamo a disposizione è una delle vie da intraprendere per alzare la qualità dei nostri prodotti e servizi».

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore