La Francia dice sì alla Dottrina Sarkozy

Autorità e normativeNormativa

Con 296 voti a favore e 233 contrari, l’Assemblea Nazionale ha approvato la norma dei tre colpi contro il Peer to peer illegale. Per diventare Legge, e staccare la spina ai pirati digitali, deve ricevere il voto anche del Senato

Il cammino della Dottrina Sarkozy, per staccare la spina ai pirati al terzo avvertimento, sta per diventare legge in Francia. Con 296 voti a favore e 233 contrari, l’Assemblea Nazionale ha approvato la norma dei tre colpi contro il Peer to peer illegale. Per diventare Legge, deve ricevere il voto favorevole anche del Senato per tagliare l’accesso ai pirati del file sharing e a Internet a chi effettua download illegali.

La legislazione crea anche HADOPI (la Haute Autoritè pour la Diffusion des Oeuvres et la Protection des droits sur Internet), l’Alto Commissariato per la protezione del Diritto d’autore per raccogliere le denunce dell’industria musicale.

In prim a lettura la Camera aveva respinto la normativa, recependo i consigli dell’Unione europea. Ma niente da fare: ora ha approvato la cosiddetta dottrina dei tre colpi che consentirà di rescindere l’abbonamento Internet ai pirati (da 2 a 12 mesi), dopo il terzo avvertimento via email.

La contestata Legge (che per ora non farà da apripista a normative analoghe in Europa) prevede che il Provider invii una prima lettera di avvertimento a chi è scoperto; in caso di recidiva una commissione valut

erà se sia il caso di sospendere l’accesso a Internet (da 2 a 12 mesi). Un registro pubblico dei rei di P2p

illegale metterà online (alla gogna) i nomi dei forzati dalla disconnessione, per evitare che chivenisse bandito dal Web cambiasse Provider per ricollegarsi.

Per diventare Legge, è atteso il voto al Senato francese.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore