La gara dello storage

DataStorage

La pubblicazione da parte di Idc del suo Worldwide Quarterly Disk Storage
Systems Tracker Q4 2005 ha agitato il settore e fornito interessanti indicazioni

Come avvenuto per le ultime elezioni politiche italiane i principali protagonisti del settore storage hanno interpretato i risultati pubblicati da Idc, e in un modo o nell’altro si sono dichiarati tutti vincitori. E’ vero che i numeri sono numeri, ma il settore storage è estremamente frammentato e difficilmente può emergere un unico protagonista leader assoluto. Inoltre gli aspetti che possono essere considerati sono numerosi e interessano numerosi parametri come per esempio la velocità di crescita nel periodo, il fatturato o le caratteristiche tecnologiche delle soluzioni proposte. In generale dalla ricerca Idc sono emersi interlocutori che indubbiamente sono cresciuti significativamente in settori particolarmente caldi, e che hanno dimostrato la validità delle scelte strategiche effettuate. Particolarmente interessante è ad esempio la situazione di Ibm, che in base ai dati Idc registra a livello mondiale, una crescita del 47 per cento dei ricavi nel quarto trimestre e del 24 per cento nell’intero anno. Buone anche le performance registrate da NetApp nel segmento iSCSI e NAS. Per quanto riguarda le riconferme, i protagonisti storici come Emc e Hp difendono le posizioni già conquistate.

Il sorpasso di Ibm? Secondo i dati pubblicati da Idc lo scorso marzo, tra i più importanti fornitori di dischi esterni Ibm ha realizzato la crescita più veloce, superando sia Emc sia Hewlett-Packard. Ibm è risultata anche l’unica tra i player leader ad aumentare la propria quota di ricavi annui, registrando la maggiore crescita anche nel quarto trimestre. Più in dettaglio, nel mercato storage Ibm ha realizzato una forte crescita nei ricavi in tutti i paesi durante il quarto trimestre 2005, con un aumento di oltre il 40% in America del Nord, Europa occidentale e Asia-Pacifico. Inoltre, ha registrato un incremento superiore al 40% negli Stati Uniti, così come a livello mondiale ha mostrato una crescita dei ricavi per tutte le fasce di prezzo. Ciò comprende un aumento del 94%, dal quarto trimestre del 2004 al quarto trimestre del 2005, nelle fasce di prezzo più alte che si riferiscono ai sistemi di storage enterprise-class. I dati Idc, quindi, giungono a conferma dell’ottima performance di Ibm nel segmento storage, che proprio recentemente ha annunciato il superamento della soglia dei 2mila clienti che hanno scelto di virtualizzare con Ibm.“Si sta verificando un grande cambiamento nell’industria di storage che spinge sempre più i clienti ad adottare la tecnologia storage Ibm per far fronte alle esigenze di archiviazione” ha dichiarato Andy Monshaw, general manager di Ibm Storage. “Uno dei nostri punti di forza è la fiducia nei sistemi aperti che liberano i clienti dall’obbligo di acquistare da un singolo venditore. Il Virtualization Engine di Ibm, compreso il San Volume Controller, sono pensati proprio per consentire ai clienti di scegliere liberamente e costruire ambienti open .”

Riconferme Secondo il rapporto pubblicato da Idc sul mercato dello storage per fatturato, Emc Corporation nel 2005, per il secondo anno consecutivo, ha guidato il mercato mondiale dei sistemi di storage esterno su disco. Nel quarto trimestre dell’anno fiscale 2005, Emc è stata alla testa del mercato mondiale dei sistemi di storage esterno su disco per l’ottavo trimestre consecutivo. Emc inoltre si è classificata al primo posto nel segmento Nas (network attached storage) per il settimo trimestre consecutivo, con un fatturato cresciuto, nel quarto trimestre, quattro volte più velocemente rispetto al più vicino concorrente, aumentandone di conseguenza il vantaggio e acquisendo il 38% di quota di fatturato nell’anno. Il fatturato complessivo 2005 di sistemi di storage esterno su disco a marchio Emc e Dell/Emc, insieme, è cresciuto del 18% anno su anno e secondo Idc ha rappresentato il 27% del mercato totale dell’External Disk Storage. Ancor meglio l’andamento del quarto trimestre, dove il fatturato di sistemi di storage esterno su disco a marchi Ecm e Dell/Emc, insieme, è cresciuto del 24% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente e ha rappresentato il 28% del mercato totale dell’External Disk Storage. Howard Elias, Esecutive Vice President di Emc per il Global Marketing e il Corporate Development, ha commentato, “L’impegno di Emc nel fornire soluzioni innovative per la gestione del ciclo di vita delle informazioni è vincente. Le nostre piattaforme di storage rappresentano le fondamenta di una strategia Ilm di successo. Aziende ed organizzazioni di qualsiasi dimensione cercano di risolvere la sfida rappresentata dalla crescita inarrestabile delle informazioni, cercando al contempo di semplificare l’infrastruttura informativa e di renderla il più efficiente possibile dal punto di vista dei costi. I clienti hanno apprezzato le nuove tecnologie delle piattaforme storage che abbiamo rilasciato nel 2005 e riteniamo che manterremo gli stessi livelli di investimento e di realizzazione in questa area anche per tutto il 2006 e oltre. ”

Non solo dischi Un altro produttore premiato dalla ricerca IDC è NetApp, che si è visto riconoscere sia il successo sul mercato, sia la crescita nel settore. Secondo il Worldwide Quarterly Disk Storage Systems Tracker Q4 20051 di Idc, NetApp ha infatti mantenuto la leadership nell’area storage iSCSI, posizionandosi prima sia per capacità di memoria offerta, con una quota di mercato del 34,6% sia per fatturato (32%), per tutto l’anno 2005. Nell’area FC San, NetApp ha quasi duplicato la quota di mercato detenuta nel 2004 (0,9%) arrivando all’1,6% alla fine del 2005, duplicando anche la quota di unità vendute, passando dall’1,1% al 2,2%, incrementando inoltre del 230% la capacità di memoria di massa offerta. Infine, NetApp ha mantenuto la posizione di leadership nel mercato Nas, con una quota di mercato del 42,6% in termini di capacità di memoria, accresciuta del 56% dalla fine dell’anno 2004. “I nostri successi nei mercati Nas, iSCSI ed FC San confermano la forte domanda dei clienti nei confronti delle nostre soluzioni semplificate per la gestione dei dati in tutti i principali settori storage”, ha commentato Patrick Rogers, vice president of Products e Partners at Network Appliance. “Grazie al nostro impegno nell’innovazione e alle nostre alleanze con i clienti, continuiamo a guidare il mercato che rappresenta il futuro del data management”.

Conclusione Tutti vincitori e contenti? Stando ai commenti dei principali protagonisti del settore storage dopo la pubblicazione del Idc Worldwide Quarterly Disk Storage Systems Tracker Q4 2005, sembrerebbe di sì. Sebbene vi siano state alcune e quasi scontate conferme, il rapporto di IDC ha comunque messo in risalto l’ottimo momento di alcuni protagonisti come Ibm e Network Appliance che nel breve periodo potrebbero cambiare radicalmente gli equilibri del settore. I dati del rapporto sembrano aver promosso la strategia di Ibm, che nonostante il periodo economicamente delicato e la politica di tagli e riassestamenti intrapresa, è riuscita a registrare un tasso di crescita significativo superando quello di protagonisti storici del settore come Emc e Hp. Insomma,il rapporto Idc conferma le potenzialità e le possibilità di crescita offerte dal settore storage, per il quale in precedenti ricerche ha previsto un andamento positivo fino almeno al 2008. Nello stesso tempo i dati Idc hanno evidenziato un’aumentato fermento del settore, il cui riassestamento potrebbe cambiare notevolmente l’attuale scenario lasciando spazio ad altri protagonisti.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore