La Gdf sequestra sei siti di aste al ribasso

E-commerceMarketingNetwork

Aste al ribasso con truffa: la Guardia di Finanza ha svolto 20 perquisizioni in Italia e chiuso sei siti truffaldini di aste al ribasso

In Italia le aste al ribasso sono assimilati a “lotterie” prive di autorizzazione. La Guardia di Finanza ha messo i sigilli a sei siti di aste al ribasso: in alcuni casi si celano vere truffe, in altri casi manca l’autorizzazione.

L’operazione Knocked Down ha effettuato una ventina di perquisizioni in sette città (Milano, Varese, Lecco, Firenze, Arezzo, Prato e Cagliari), accusando i gestori delle aste al ribasso di truffa ed esercizio di esercizio abusivo di scommessa o gioco.

Poiché a ogni puntata nell’asta a ribasso, bisogna pagare circa 2 euro, sembra evidente che il meccanismo dell’asta al ribasso sia simile a quello di una lotteria.

La truffa era inoltre dietro l’angolo: spesso non è stato consegnato nemmeno il premio a chi vinceva l’asta al ribasso.

Aste al ribasso con truffa
Aste al ribasso con truffa
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore