La giungla delle tariffe anche per chi naviga via cellulare

Mobility

Nel frattempo l’Antitrust si scaglia contro la pubblicità ingannevole

La fine dei costi di ricarica sta diventando una trappola per gli utenti? La domanda è d’obbligo dopo che Wind ha rimodulato le tariffe e Vodafone ha cancellato Happy ricarica, la tariffa low cost. Ora l’attenzione si sposta su i rincari delle tariffe nella navigazione mobile: Telecom dal due aprile ha aumentato di 8 centesimi lo scatto per entrare nel portale mobile; Wind dal 16 aprile fa pagare 30 centesimi l’accesso al portale.

Di fronte a questo Far West l’Antitrust lancia un allarme per la pubblicità ingannevole nella telefonia fissa e mobile. I consumatori sono disorientati da spot televisivi che traggono in inganno e che evolgono continuamente. L’Autorità ha già sanzionato le pubblicità trappola per 1,6 milioni di euro, corrispondenti al 25% del totale delle multe decise.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore