La guerra fra Israele e Palestinesi va online

CyberwarSicurezza

Il defacement di siti Web è l’ultima arma in mano agli hacker anti-israeliani. Scenari di cyber-war da non sottovalutare

Non c’è pace neanche sul Web tra Israele e Palestines i. Dopo l’attacco sferrato dalle truppe israeliane nella striscia di Gaza, in seguito a lunghi bombardamenti aerei, la guerra sbarca anche in Rete. Una guerra fatta di bit e virtuale, dopo le tragedie reali. Ma scenari da cyber-war non vanno sottovalutati, dicono gli esperti di sicurezza: il defacement di siti Web è l’ultima arma in mano agli hacker anti-israeliani.

Siti Internet di alto profilo come Ynetnews.com sono stati hackerati con messaggi e immagini non solo contro Israele, ma anche contro le torture su detenuti ad opera di soldati americani.

Secondo Fortify Software , sarebbero in azione hacker iraniani, libanesi, marocchini e turchi.

La guerra in realtà è già sbarcata online, tra blog contrappost i e con i video delle carneficine e dei raid su Youtube . Il Web 2.0 è dunque al fronte, fin dai primi colpi.

In passato hacker islamici presero di mira diversi siti europei, a causa di alcune note vignette satiriche giudicate blasfeme, mentre i l sito Web dell’ Ordine dei giornalisti italiani venne attaccato da hacker turchi a causa del caso Armenia. Nel 2006 si scoprì che gruppi speciali di hacker di Hezbollah controllavano il costante cambiamento di frequenze radio delle truppe d’Israele utilizzando una tecnologia che probabilmente arrivava dall’Iran.

Un anno fa a Tallin, capitale dell’Estonia, la disputa sulla rimozione di un monumento all’Armata Rossa non solo generò una sequela di arresti ma anche un vero e proprio attacco di Distributes Denial of Service (DDoS) da parte di una rete di hacker (letto da alcuni come una ritorsione da parte della Russia), che ha reso completamente irraggiungibili molti siti governativi e pubblici nonché di alcuni Media estoni.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore