La lista nera dei pirati del copyright

CyberwarMarketingSicurezza

Nella Priority Watch List sono elencati i paesi delle violazioni della proprietà intellettuali. Non mancano le sorprese: come il Canada e i richiami a Spagna e Italia

In cima alla lista è la Cina, responsabile del 7% dei prodotti contraffatti commercializzati in Usa nel 2009. Poi si piazza la Russia, accusata di non aver adottato i principi di un accordo bilaterale sulla tutela della proprietà intellettuale del 2006. Seguono Algeria, Argentina, Cile e India.

Ma nella Priority Watch List non mancano le sorprese: come il Canada e i richiami a Spagna e Italia.

Menzione d’onore va alla Svezia che ha dato un giro di vite a Pirate Bay, alla Repubblica Ceca e alla Ue. L’Italia ha messo sotto sequestro Pirate Bay, ma non basta.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore