La Lombardia apre alla banda ultra larga e azzera il Divario Digitale

MarketingNetworkReti e infrastrutture
SOStariffe.it fotografa lo stato dell'Adsl Italia

Il piano in tre fasi della regione Lombardia porterà la banda larga al 100% dei lombardi entro il 2012. 20 Mbit/s a un cittadino su due per Expo 2015

Mentre il governo nazionale tentenna ancora sul Wi-Fi libero (la riforma del Decreto Pisanu non ha una roadmap certa) e sullo scongelamento dei fondi per la banda larga, la regione Lombardia prende un impegno solenne: da un lato, azzerare il Digital Divide sul 100% del territorio e, dall’altro, scommettere sulla banda ultra larga. La Regione Lombardia segue le orme di Roma e del Trentino Alto-Adige nell’aprire alla banda larga.

Il 99,8% della Lombardia sarà coperto con i servizi a banda larga entro il 2012 e lo 0,2%, tagliato fuori per altri motivi, potrà accedere a Internet con il satellitare. Di Wi-Max, con cui lo stato italiano ha guadagnato abbastanza con una recente gara, non si parla invece più (anche Cisco ha abbandonato il Wi-Max preferendogli Lte).

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore