La mappa di Telecom rimane invariata

Aziende

Consob non fotografa particolari scossoni. Intesa Sanpaolo ha aperto
contatti. Intanto il Governo studia l’ipotesi di separazione della rete entro un
anno

Giornata di fuoco per Telecom Italia, dieci giorni dopo l’annuncio di Marco Tronchetti Provera sul via libera alle proposte di acquisto di AT&T e di America Movil su Telecom. Anche Intesa Sanpaolo e Mediobanca hanno aperto contatti con più parti per Olimpia. La cordata italiana (senza Unicredit, Generali e Capitalia, che si sono tirati fuori) sta incontrando difficoltà a causa del prezzo troppo alto delle azioni. La Consob ha reso noto l’esatta ripartizione azionaria della società: la mappa rimane all’incirca invariata (Olimpia è passata al 17,991% dal 18,007% del capitale, mentre Hopa e Generali restano stabili rispettivamente al 3,721% e al 4,060%). Il 16 aprile è previsto il cda per la nomina di Pasquale Pistorio. Nelle ultime ore America Movil ha assicurato di non volere lo spezzatino di Telecom. Infine, le ultime sullo scorporo della rete: il ministro Paolo Gentiloni ha detto che entro un anno si potrebbe operare la separazione funzionale della rete Telecom Italia assegnando più poteri all’autorità di vigilanza sul modello dell’Ofcom inglese.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore