La mia musica, la mia radio

LaptopMobility

Con jetAudio si può creare persino una stazione radio.

Nell’ambito dei programmi per riprodurre file audio e video, gli avversari da battere sono WinAmp e Windows Media Player. Il primo ha ormai fidelizzato milioni di utenti e il secondo deve il suo successo anche alla totale e perfetta integrazione con il sistema operativo. JetAudio 6 grazie a un’interfaccia particolarmente gradevole e a tante funzioni accessorie, è una valida alternativa a questi due software più conosciuti. Il programma si presenta con un grande equalizzatore al centro dello schermo già configurato per dodici diverse modalità di ascolto. I pulsanti principali richiamano immediatamente le altre funzioni: estrazione di tracce da CD, conversione di file musicali, registrazione, masterizzazione di CD audio e ascolto di radio on-line. Naturalmente, accanto al completo supporto dei più diffusi file audio, jetAudio è anche in grado di riprodurre un gran numero di formati video. Con jetAudio si possono seguire tutte le “vicende digitali” dei file musicali salvati sul disco fisso, gestendone non solo la riproduzione, ma anche le eventuali trasformazioni, da CD a file e viceversa. In particolare la funzione di estrazione dei brani da CD si appoggia a un database via Internet per rinominare automaticamente ogni traccia e l’applicazione per la masterizzazione agevola la creazione di compilation, convertendo automaticamente file MP3 (o compressi in altro modo) in WAV. Unico neo l’impossibilità di creare file MP3 a partire da altri formati. Nel pacchetto di jetAudio è incluso anche jetCast, un interessante software per trasformare il proprio computer in una stazione radio on-line. Una volta scelto il palinsesto musicale e avviata la trasmissione, il nome scelto per la stazione radio si inserirà automaticamente nel database on-line di jetCast: basterà consultarlo e scaricare un piccolo file PLS per portare le vostre canzoni sul computer dei vostri amici connessi a Internet. JetAudio pecca solo per la scarsa immediatezza: rispetto a WinAmp richiede molti più passaggi per avviare l’ascolto di una canzone e, nel complesso, la gestione della playlist è un po’ più macchinosa. Tuttavia le tante funzioni aggiuntive rendono jetAudio pienamente consigliabile a chi, in un software per la riproduzione di audio e video cerca, oltre alla qualità del suono e dei filmati, una certa completezza.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore