La musica evoluta

LaptopMobility

Audio Lo standard Dvd Audio è destinato a sostituire il comune Cd musicale per offrire suono multicanale di alta qualità

La qualità continuamente crescente degli impianti Hi-Fi domestici ha reso evidenti le limitazioni del formato Cd-Rom, soprattutto in termini di dinamica, spazialità del suono e risoluzione. Le più recenti tecniche di codifica su Cd usate dalle industrie discografiche fanno un buon lavoro per conservare sul disco la maggior parte delle informazioni catturate in sala dincisione, ma una parte va inesorabilmente persa. Da molti anni, ormai, gli standard audio digitali usati negli ambienti professionali superano di molto le possibilità del disco argentato tradizionale; ciò ha spinto i principali produttori di apparecchi audio/video a proporre un nuovo standard per laudio domestico ad alta fedeltà. Il formato Dvd audio è stato sviluppato dallo stesso organismo che ha messo a punto il formato Dvd video, in contrapposizione con Philips e Sony che propongono una diversa e incompatibile soluzione tecnica (Super Audio Cd, SACD) per migliorare la qualità del suono. I dischi Dvd audio sono fisicamente realizzati in modo identico a quelli video. Al momento non sono ancora in commercio dischi a doppio strato, poiché un singolo strato è sufficiente a contenere 64 minuti di musica alla massima qualità. La superficie di un disco Dvd audio è organizzata in modo molto diverso dal disco video tradizionale, perché è divisa in due parti. La parte iniziale, che parte dal centro del disco ed arriva vicina al bordo esterno, è occupata dalle tracce audio codificate con un elaborato sistema di protezione contro la copia digitale. Queste tracce sono visibili da Windows allinterno della cartella AUDIO_TS che si trova nella radice del disco. La parte più esterna contiene le tracce video, codificate in modo identico ai film, che servono a garantire la compatibilità con i lettori Dvd da tavolo convenzionali e con i player software per computer che non riconoscono le tracce Dvd audio. Le tracce video sono contenute nella cartella VIDEO_TS, e in genere hanno immagini fisse, per non sprecare il poco spazio disponibile. Le tracce video non sono obbligatorie, e non sono previsti contenuti interattivi. Qualsiasi lettore Dvd video o player Dvd per Pc è in grado di riconoscere la presenza delle tracce video e riprodurre la corrispondente colonna sonora, che può essere incisa in stereofonia a qualità comunque maggiore del Cd audio oppure codificata con il sistema Dolby Digital a 5+1 canali. I vantaggi del nuovo standard si possono sfruttare solamente quando il lettore Dvd supporta nativamente il formato Dvd audio, oppure quando nel Pc è inserita una scheda sonora con prestazioni adeguate, e viene usato un software capace di estrarre la colonna sonora Dvd audio. Sul Pc non serve una meccanica Dvd-Rom speciale, perché le tracce Dvd audio sono perfettamente compatibili con il filesystem dello standard Dvd e ogni lettore Dvd-Rom è capace di leggerle. È invece impossibile leggere un Dvd audio in un lettore Cd o Cd-Rom, a differenza di quanto accade con il formato SACD Sony/Philips. La differenza fondamentale tra la colonna sonora Dvd audio e quella Dolby Digital è che Dolby Digital adotta un algoritmo di compressione con perdita dinformazioni, mentre il Dvd audio usa lalgoritmo MLP (Meridian Lossless Packing) che conserva tutte le informazioni originali. In pratica lalgoritmo MLP ha la stessa funzione di un programma per comprimere i file come WinZip, che esegue unoperazione perfettamente reversibile; al contrario Dolby Digital AC-3 si comporta in modo analogo allalgoritmo Mp3, che è progettato per ricreare un suono simile alloriginale ma non esattamente identico. I dati audio decodificati dallalgoritmo MLP sono in formato Pcm (pulse Coded Modulation), e cioè raggruppati in parole che codificano il valore dei singoli campioni sonori. Frequenza di campionamento Un altro miglioramento importante alla qualità del suono deriva dallaumento della frequenza di campionamento del segnale, che può assumere due valori tipici. Le tracce Dvd audio stereofoniche hanno una cadenza di campionamento consigliata di 192 KHz, mentre quelle a 5+1 canali hanno cadenza di campionamento pari a 96 KHz. Si tratta di valori molto più alti dei 48 KHz adottati dalla colonna sonora Dvd Video e dei 44,1 KHz tipici dei Cd audio tradizionali, quindi permettono lutilizzo di filtri analogici di ricostruzione più dolci e rispettosi della fase del segnale. Osservando la rappresentazione grafica del segnale elettrico che trasporta le informazioni sonore, ad una frequenza di campionamento maggiore corrisponde una larghezza dei gradini più breve, e quindi una maggiore fedeltà di riproduzione delle frequenze acute. Leffetto dellaumento della frequenza di campionamento è udibile solo quando si utilizza un sistema di altoparlanti di qualità adeguata, capace cioè di rispettare la fase dei segnali e riprodurre a piena potenza anche le frequenze molto acute. Anche lamplificatore Hi-Fi deve avere caratteristiche elettriche molto curate, con filtri passa banda a pendenza dolce. I sistemi di altoparlanti per computer economici e gli impianti stereo oppure home cinema di vecchia concezione non hanno prestazioni sufficienti per mantenere integra lelevata qualità del segnale Dvd audio stereo. Nella riproduzione dei dischi multicanale possono però avvantaggiarsi dellalgoritmo di compressione MLP senza perdita dinformazioni, che rispetto a Dolby Digital oppure Dts offre risultati qualitativi udibilmente migliori.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore