La Norvegia sceglie l’open source

Workspace

Il paese nordico non accetterà più i formati proprietari nella comunicazione tra i cittadini e il governo

Il Ministro per la Modernizzazione norvegese ha lanciato un piano di rinnovamento della Pubblica Amministrazione norvegese, detto eNorge 2009, dicendo no ai formati proprietari. La scelta open source della Norvegia arriva dopo i comuni di Monaco e le aperture inglesi verso sperimentazioni in tal senso. Ma appare più radicale: è stata infatti annunciata con toni molto duri contro Microsoft. Ora la Norvegia si impegna a scrivere linee guida per l’impiego di tecnologie aperte entro il 2006 e avviare la migrazione all’open source (da Linux a OpenOffice).

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore