La Pa deve osare per innovare

Autorità e normative

Quello che ancora manca è la cultura: con l’attuale livello di efficienza
della Pubblica Amministrazione un’azienda andrebbe in fallimento

L’incontro a Milano organizzato da Siav con il patrocinio del Cnipa ha messo in evidenza che ci sono già normative e tecnologie per la dematerializzazione dei documenti. Quello che ancora manca è la cultura: con l’attuale livello di efficienza della PA un’azienda andrebbe in fallimento. Lo dicono i dati. L a normativa per eliminare il cartaceo a favore del digitale sta prendendo sempre più una forma definita e i vantaggi di questo cambiamento sono evidenti in termini sia di efficienza sia di risparmio economico.Eppure in Italia i fogli continuano a farla da padrone sulle scrivanie della pubblica amministrazione. Il problema di fondo è che “c’è una scarsa fiducia nel documento informatico” , ha spiegato Pierluigi Ridolfi, già componente del Cnipa e presidente della Commissione per la dematerializzazione. Dello stesso parere Carlo Notarmuzi, dirigente generale Ufficio politiche per la digitalizzazione della PA – Dipartimento per l’innovazione e le tecnologie: “L’attuazione del codice dell’amministrazione digitale presuppone un grande cambiamento di cultura, di mentalità“. Questa problematica ha fatto da filo conduttore all’incontro di oggi sul tema “e-government, e-democracy“, moderato dal direttore generale del Forum PA Carlo Mochi Sismondi. Accanto a un problema di tipo culturale, sono stati discussi anche aspetti legati a questioni normative e tecniche. Come la scelta del formato da utilizzare per la digitalizzazione, la conservazione dei documenti a lungo termine, la lentezza della pubblica amministrazione ad adeguarsi alle normative sulla dematerializzazione già esitenti. Alfieri Voltan, presidente di Siav, ha poi sottolineato un altro aspetto che grava sulla PA: la mancanza di un reale meccanismo di misurazione dell’efficienza. “Secondo la classifica della Banca centrale europea l’Italia è al ventitreesimo posto per l’efficienza della pubblica amministrazione con un indice di autoreferenzialità, vale a dire il numero di persone impiegate per far funzionare la struttura interna di un ente, del 46% – ha affermato Voltan -. Questi dati applicati a un’azienda privata la porterebbero rapidamente al fallimento”. Come uscire da questa empasse? Per Voltan è necessaria una “forte introduzione dell’IT nella PA”, così come è stabilito nelle linee strategiche del ministro per le Riforme e l’Innovazione nella PA Luigi Nicolais “e in particolare la reingegnerizzazione dei processi di servizio”. Con l’introduzione della gestione elettronica dei documenti i vantaggi sono notevoli non solo per i cittadini ma anche per l’organizzazione stessa della pubblica amministrazione: “Il lavoro è più semplice ed efficiente ed è possibile misurare le performance in modo oggettivo in modo da poter incentivare i comportamenti eccellenti nella PA”, ha spiegato Voltan. Esempi pratici dei vantaggi dell’utilizzo della gestione elettronica dei documenti sono stati illustrati durante il convegno: la Mail Room di Poste Italiane, presentata da Andrea Alfieri – responsabile servizi innovativi BU Mail di Poste Italiane -; il sistema del PRA, illustrato da Daniele Bettarelli, amministratore delegato Aci Informatica; il comune di Bressanone con il consulente Luca Agostini; la digitalizzazione dei beni librari messa in atto dal ministero dei Beni culturali.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore