La politica corre in Rete e via IM, ma non è ancora 2.0

Workspace

Il 62% degli internauti italiani andrà a votare alle elezioni Europee. Secondo l’indagine di Microsoft e Nextplora, chi vota segue la Tv e subito dopo il Web

La terza edizione dell’Osservatorio Internet sull’Instant Messaging, realizzato da Nextplora e Microsoft Italia, chi vota segue la Tv (78%) e subito dopo il Web (62%) e i giornali (52%).

Il 62% degli internauti italiani andrà a votare alle elezioni Europee, mentre solo il 55% partecipera’ al Referendum: l’85% sa che si terranno le prossime elezioni per l’Europarlamento, l’84% è al corrente delle amministrative e il 76% del voto referandario.

La Rete e l’Instant Messaging sono usati quotidianamente. L’Im ha conquistato il 73% degli utenti (di cui il 20% degli uomini oltre i 34 anni, il 14% delle donne della stessa età).In Italia domina Windows Live Messennger, seguito da Skype, Yahoo! messenger eccetera.

Nell’informazione, vincono i quotidiani online (77%) seguiti da Msn, Libero e Virgilio (49% di cui 61% di giovani fra 18 e 24 anni), dai blog (25%) e dal social network (20%).

Internet potrebbe far crescere la partecipazione attiva alla politica: il 61% nella stesura di disegni di legge, per il 52% nel confronto diretto con i politici attraverso chat e messaggeria istantanea, per il 48% dai commenti ai blog dei politici più influenti.

Ma solo il 32% ritiene che la politica sappia padroneggiare bene la Rete e il Web 2.0 (Twitter e Facebook habno fatto la fortuna di Obama). La politica corre in Rete e via IM, ma non è ancora approdata alla politica 2.0.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore