La polizia tedesca spiazzata da Skype

CyberwarSicurezza

Il capo della polizia tedesca sta pensando di utilizzare degli spyware come i trojan horse per controllare alla fonte le comunicazioni dei criminali

LE FORZE dell’ordine tedesche non sono in grado di controllare i criminali e i terroristi che fanno uso di Skype perché non sanno decifrare il protocollo criptato usato dal sistema gratuito di telecomunicazioni.

Le intercettazioni telefoniche come mezzo per controllare le attività illecite (e non solo) sono nate praticamente con l’invenzione del telefono, ma con la nascita del VoIP tutto è diventato più complicato.

L’agenzia Reuters riferisce qui che Joerg Ziercke, capo della Polizia Federale Tedesca, ha dichiarato: “Il sistema di criptazione utilizzato dal software telefonico di Skype ci sta creando grossi problemi”.

Il problema, secondo gli esperti, nasce dal fatto che Skype, al pari di altri software per la comunicazione VoIP, suddivide la voce in pacchetti che la distribuiscono verso migliaia di router, diversamente da come avviene con la telefonia tradizionale.

Ziercke non chiede la collaborazione di Skype perché pensa che non potrebbe comunque ottenere chiavi di segrete di decriptazione.

Il capo della polizia tedesca sta invece pensando di utilizzare degli spyware come i trojan horse per controllare alla fonte le comunicazioni dei criminali.

Sistema che però potrebbe essere utilizzato solo in casi estremi e ben definiti, visto che in Germania, come in altri paesi europei, spiare i computer con lo spyware è illegale.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore