MalwareSicurezza

La prima campagna ransomware contro Apple Mac

La prima campagna ransomware contro Apple Mac
1 23 Nessun commento

I ransomware cifrano i dati sui computer infetti, quindi chiedono un riscatto, invitando gli utenti a pagare in monete digitali, per ottenere una chiave elettronica per decrittare i propri dati. La temibile minaccia arriva sui Mac

Per la prima volta i Mac sono nel mirino di ransomware. Lo ha denunciato Palo Alto Networks. Si chiama “KeRanger“, il malware apparso venerdì, il primo ransomware funzionante che ha attaccato i computer Mac di Apple.

La prima campagna ransomware contro Apple Mac
La prima campagna ransomware contro Apple Mac

Si tratta di una delle cyber minacce a più rapida crescita: i ransomware cifrano i dati sui computer infettati, quindi chiedono un riscatto, chiedendo agli utenti di pagare in monete digitali più difficili da tracciare, per ottenere una chiave elettronica per decrittare i propri dati.

I ransomware sui Pc con Microsoft Windows hanno fruttato ai cyber criminali centinaia di milioni di dollari, ora però la minaccia arriva sui computer Apple, sempre meno sicuri. KeRanger cifra i file sui Mac infetti e chiede di pagare un riscatto per decifrarli: è programmato per comportarsi così, tre giorni dopo l’infezione.

Apple ha revocato un certificato digitale a un legittimo sviluppatore Apple che aveva abilitato il rogue software a installarsi su Mac. Ma il tentativo di neutralizzare il contagio potrebbe essere andato a vuoto.

Il sito Tranmission offre software open source infetto. Tranmission è uno dei più popolari siti di applicazioni Mac in download: offre video, musica ed altri dati attraverso la rete peer-to-peer BitTorrent, secondo Ryan Olson, direttore del Palo Alto Threat Intelligence.

Il sito www.transmissionbt.com ha avvisato di effettuare l’upgrade dalla versione 2.90 alla 2.91 del software per Mac, avvertendo anche come effettuare i controlli per verificare se si è stati infettati o no.

Mac OS X detiene circa il 5,94% secondo Netmarketshare di Net Applications: il 3.72% (+0.28) appartiene alla release El Capitan (Os X 10.11) e il 2.2% (-0.13) alla versione 10.10.

In questi giorni, Apple è stata criticata anche dal pioniere della Realtà virtuale (VR), Palmer Luckey, co-fondatore di Oculus. Il casco Oculus Rift arriva solo su Pc Windows: “Apple dovrà lanciare un buon Mac” prima di essere presa in considerazione per il supporto, ha detto Palmer Luckey.

UPDATE: Il malware per Mac è stato debellato in tempo, aveva infettato meno di 6.500 computer Apple (su Windows, 230mila Pc, ma qui dobbiamo fare il confronto fra il market share del 5-7% di Os X e il 90% dell’OS di Microsoft).

ITespresso è il sito di tecnologia dedicato a tutti coloro che sono appassionati dei trend del mercato IT, non solo di nuovi prodotti (smartphone, tablet, app innovative…) ma anche dei fenomeni che stanno cambiando il modo di lavorare: virtualizzazione, collaboration, cloud, byod. Attento alle innovazioni apportate dal mondo social, ITespresso guarda con interesse le dinamiche dei social network, da Facebook a Google, dando consigli e strumento concreti anche alle piccole e media imprese per utilizzare l’IT a vantaggio del business.

Seguici