AziendeMarketing

La Rai vuole sbarcare su iPad e iPhone

Oltre all'Iva ridotta dal 22% al 4% sugli e-book, pagheremo il canone Rai nella bolletta elettrica, calcolato in base al reddito
0 0 Nessun commento

Il servizio pubblico della Rai potrebbe diventare un’applicazione su App Store per iPhone e iPad

La Rai podrebbe fare concorrenza alle Tv americane, sbarcate in massa su iPad. Il servizio pubblico potrebbe diventare un’applicazione Web su App Store per iPhone e iPad. L’indiscrezione, non confermata, è stata riportata da La Stampa.

La Rai in questi anni ha avuto un atteggiamento ondivago con la Rete: da un lato ha sposato Microsoft Silverlight, al posto di Adobe Flash; dall’altro non ha fatto gguerra a YouTube, a differenza di Mediaset; ma, pur essendo in Rete con un proprio portale di news, non è stata capace di valorizzare i propri contenuti come la Bbc inglese.

Ora le cose potrebbero cambiare con lo sbarco della Rai in streaming su iPad e iPhone. Del resto, ad arricchire le Web apps su App Store sta per arrivare Apple iAd (la pubblicità mobile secondo Apple). E gli spot potrebbero attirare le Tv e i media italiani, come le api con il miele.

Leggi lo SPECIALE: Apple iPad batte iPhone

Resta connesso, iscriviti alle nostre newsletter gratuite!

Castigli Mirella, giornalista pubblicista. Dal 2000 ha collaborato con PC Magazine, Computer Idea, dal 2004 con VNUnet, dal 2007 ITespresso.it; con il progetto delle "Linee guida per la promozione della cittadinanza digitale: E-democracy", con il Ministro per l’Innovazione e le Tecnologie. Libri pubblicati: "I motori di ricerca nel Caos della Rete" (ShaKe edizioni, 2000); "Mela Marcia" (Agenzia X, 2010); "Faccia da Web" (Reg. Toscana e Dip. della Gioventù della Pres. del Consiglio dei Ministri); "Zero Privacy" (Videa #InstantBook, 2014). Nel 2013 ha collaborato con DigiArte 2013 - 10th edition, dedicato ai Google Glass.

Seguici