La rivoluzione dei film digitali passa dal Gelato

AccessoriWorkspace

NVIDIA presenta il primo renderizzatore cinematografico con
accelerazione hardware.

Come annuncia la società, Gelato è in grado di offrire incrementi di velocità, precisione e produttività mai prima d’ora possibili nel rendering offline di qualità cinematografica. “Siamo davvero entusiasti dei risultati ottenuti” commenta Cliff Plumer, CTO di Industrial Light la prima applicazione disponibile sul mercato nel segmento della cinematografia a risolvere un problema di importanza cruciale, il rendering, utilizzando tutti i vantaggi dell’hardware mainstream, quali ad esempio l’accelerazione in virgola mobile, il computing a 64 bit, il bus PCI Express e il multithreading. Le principali caratteristiche e vantaggi di questo renderizzatore, progettato per realizzare effetti digitali e animazione della massima qualità, sono velocità e potenza in grado di scalare con i miglioramenti dell’intero sistema, incluse le innovazioni dell’hardware grafico, la tecnologia CPU a 64 bit e PCI Express; un’architettura flessibile che semplifica l’integrazione di Gelato nelle pipeline di produzione cinematografica esistenti quali i plug-in per il binding di Maya e Python; rendering scanline e raytracing accelerato, illuminazione globale, occlusione ambientale e supporto per la gamma completa di primitive geometriche (NURBS, patch bicubiche e bilineari, mesh poligonali, superfici di suddivisione, punti, curve e geometrie procedurali) per la realizzazione di immagini di qualità davvero cinematografica; un nuovo linguaggio di ombreggiatura che non soltanto libera tutta la straordinaria potenza dell’hardware NVIDIA Quadro FX, ma aggiunge anche funzionalità innovative fra cui gli ombreggiatori stratificati per effetti più precisi. NVIDIA Gelato è già disponibile all’acquisto all’indirizzo http://film.nvidia.com in versioni eseguibili con Red Hat Linux 7.2, 7.3, 9.0 e SUSE.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore