La Scienza verso il 2020

Workspace

Il computer aiuta gli scienziati a fare scienza

L’American Chamber of Commerce in Italy e Microsoft hanno presentato a Milano i risultati della ricerca Scienza, verso il 2020, frutto dell’incontro di 34 scienziati di fama internazionale che si sono confrontati sulle sfide dei prossimi 15 anni. La ricerca evidenzia come l’innovazione continua nel campo dell’informatica sia destinata a essere sempre di più il motore del progresso scientifico e umano. Per la prima volta, strumenti sviluppati in ambito informatico vengono utilizzati in altri campi, in particolare in biologia e chimica. Senza dubbio, l’informatica in futuro diventerà altrettanto importante per la biologia della matematica per la fisica. Il rapporto ?Scienza, verso il 2020? descrive il modo in cui la scienza sta cambiando, illustrando alcuni degli interventi che scienziati, governi e aziende devono realizzare per supportare questa trasformazione. I problemi più pressanti che oggi ci troviamo ad affrontare sono numerosi: i r ischi per la biosfera terrestre; l’impoverimento della biodiversità. Ma l’informatica può dare una masno, soprattutto a i nterpretare i sistemi complessi. L’informatica può anche contribuire notevolmente alla comprensione dei sistemi complessi. In biologia e in medicina (reti intracellulari, epidemiologia), le interazioni e le reti di comunicazione con l’ambiente (ecosistemi, interazioni con i sistemi che supportano la vita) e i sistemi sociali (trasporti, città) vengono rappresentate come sistemi complessi. I normali computer non diventeranno molto più veloci rispetto a oggi, ma offriranno possibilità di elaborazione in parallelo e una capacità di archiviazione senza precedenti. Normali sistemi possono essere connessi in rete per eseguire attività che in passato potevano essere svolte solo dai supercomputer, ma a un costo notevolmente inferiore. L’informatica può aiutare gli scienziati a gestire malattie epidemiche globali, scoprire nuovi farmaci, soddisfare le richieste di energia in modo sostenibile. Il gruppo che si è occupato del progetto ?Scienza, verso il 2020? raccomanda quindi, tra le priorità, di dare nuovo impeto all’informatica per affrontare le ” grandi sfide” che ci attendono.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore