La scuola ricomincia navigando

FormazioneManagement

Nuova campagna di sensibilizzazione per giovani studenti, insegnanti e
genitori, sull’uso sicuro e responsabile di Internet

L’uso sicuro e responsabile di Internet è al centro della nuova campagna di sensibilizzazione per giovani studenti, insegnanti e genitori, promossa da Presidenza del Consiglio Comunale del Comune di Roma, in collaborazione con Polizia Postale e delle Comunicazioni, UNICEF Italia, SicuramenteWeb e Microsoft, Radio1 Rai – Newsgeneration, e l’Assessorato alle Politiche Educative e Scolastiche del Comune di Roma. Parte con il progetto ?La scuola ricomincia navigando ? la nuova, articolata proposta rivolta al mondo della scuola per promuovere un uso sicuro e responsabile della Rete da parte dei minori. L’obiettivo è ambizioso: coinvolgere più di 250 scuole medie del Comune di Roma e oltre 15.000 ragazzi, assieme ai loro genitori e insegnanti, in attività didattiche e ludiche, per promuovere ? a partire proprio dai banchi di scuola ? un uso consapevole e responsabile delle tante risorse e delle opportunità messe oggi a disposizione dal Web. E soprattutto, con questa prima esperienza pilota nella città capitolina, offrire un esempio importante da poter replicare nel prossimo futuro in altre grandi città italiane con le stesse finalità. Invece a Firenze il Viper Theatre, in collaborazione con il Comune di Firenze e Assessorati alla cultura e alle politiche giovanili, stanno promuovendo: Internet Insieme , un corso di alfabetizzazione dedicato agli adulti per affiancare ed educare i bambini all’uso di Internet.

?La scuola ricomincia navigando? darà agli istituti partecipanti la possibilità di offrire ai propri giovani studenti e alle loro famiglie momenti di formazione e strumenti informativi utili per affrontare il mondo di Internet in sicurezza ed evitare i rischi e i pericoli che la Rete a volte nasconde, soprattutto per i più piccoli. Nell’ambito dell’iniziativa, in particolare, sarà data la possibilità alle singole scuole di programmare degli incontri con gli operatori della Polizia Postale e delle Comunicazioni per coinvolgere in modo piacevole ragazzi e genitori attraverso l’interazione e la partecipazione, per cercare di rispondere ai dubbi e alle possibili richieste sul tema. Le scuole poi potranno contare sul materiale informativo prodotto a sostegno del progetto: in particolare avranno a disposizione due distinte brochure, simili nei contenuti, ma diverse nel taglio e nei destinatari finali: una infatti sarà rivolta agli studenti, l’altra ai genitori. Entrambe daranno consigli su come usare in modo sicuro i più diffusi programmi utilizzati sulla Rete (email, messaggistica istantanea, chat, browser internet eccetera) e sui rischi più comuni, come virus e malware. Allo stesso tempo anche gli insegnati verranno coinvolti attivamente, attraverso l’organizzazione di momenti di aggiornamento dedicati, per fornire anche il corpo docente di un kit didattico multimediale e favorire in classe un’ulteriore fase di riflessione, condivisa con gli alunni, e la produzione di elaborati o discussioni sulla tematica. Gli incontri saranno organizzati di volta in volta nelle cosiddette ?strutture polo? romane (scuole di riferimento territoriale per i vari municipi di Roma, dotate delle necessarie infrastrutture logistiche ed informatiche).

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore