La sfida dei tablet si sposta in azienda

LaptopMarketingMobilityWorkspace

In ambito consumer Apple domina il mercato tablet e la sfida è aperta solo per il secondo e terzo gradino del podio. Tutt’altra partita potrebbe essere in ambito enterprise con Hp Touchpad, Blackberry Playbook e Samsung Galaxy Tab

La guerra dei tablet entrea nel vivo: dopo la presentazione di iPad 2 e dei tablet Android, Samsung e Rim si tuffano nell’arena sparigliando le carte. Samsung svela tablet da 8.9 e 10.1 pollici più sottili di iPad 2, mentre il listino prezzi di Rim Blackberry Playbook è “ricalcato” sul listino Apple. Come a dire: se guerra dei tablet dev’essere, la sfida parta dai prezzi, e vinca il migliore.

Nel mercato consumer nel 2011, non c’è storia: iPad 2, che ha venduto più di 600 mila unità nel weeek-end del debutto (il doppio rispetto al primo iPad un anno fa), manterrà lo scettro del mercato tablet, ma il suo market share scenderà dalla vetta del 95% dei mesi scorsi per assestarsi sul 75% circa con 35 milioni iPad stimati (contro i 15 milioni del primo iPad venduti in meno di un anno). Chiunque invece metterebbe la firma per conquistare il secondo posto, di fronte a questi numeri. La contesa consumer sarà fra due principali papabili: Samsung Galaxy Tab declinato in tre versioni – 7, 8.9 e 10.1 pollici -, e il cui primo Tab da 7 pollici ha venduto 3 milioni di unità in pochi mesi sfidando iPad 1; e Motorola Xoom, che lancia ora un secondo modello solo WiFi meno caro del precedente costoso modello); ma anche Acer e Asus cercheranno di farsi notare. Samsung Galaxy Tab scommette sullo spessore record di 8,6 mm (più sottile degli 8,8 di iPad 2) e nella portabilità: il modello da 8.9 pollici pesa solo 470 grammi; il chip da 1GHz è dual-core, la batteria da 6000mAh e è dotato di slot per microSD; ha solo ridimensionato la fotocamera posteriore da 8 a 3 Megapixel per battere lo spessore di iPad 2, che era già ridotto del 33% rispetto alla prima versione di Apple.

Samsung Galaxy Tab 10.1
Samsung Galaxy Tab più sottile di iPad 2

Ma in ambito Enterprise la sfida potrebbe essere meno scontata. Qui iPad 2 dovrà vedersela con HP, Dell e Blackberry Playbook. Partiamo da Rim che punta all’utenza business, essendo in grado di sincronizzarsi (modalità wireless) con lo smartphone Rim Blackberry. Rim gioca la carta dell'”accoppiata tra tablet e smartphone”, e sulle differenze con iPad 2: lo schermo da 7 pollici, contro i 9,6 pollici di iPad 2, è più portabile per un utente di fascia aziendale. Il primo tablet di Rim ha prezzi “fotocopia” rispetto all’iPad: 16GB da 499 dollari, un 32GB da 599 dollari e un 64GB da 699. Si parte con la commercializzazione solo in Usa e Canada, e solo in versione WiFi; in un secondo tempo uscirà la versione 4G (più veloce dell’iPad 2 3G).

Blackberry Playbook costa quanto iPad 2
Blackberry Playbook costa quanto iPad 2

In ambito enterprise è HP a giocare un altro ruolo di primo piano: Hp sfida iPad con TouchPad con WebOs, e Hp sta cercando di conquistare gli sviluppatori per la piattaforma acquistata da Palm. Riassumiamo le caratteristiche dell’offerta tablet e smartphone di Hp: TouchPad e Pre 3 possono essere sfruttati al massimo delle loro possibilità solo abbinati tra loro, ma TouchPad e Pre 3 alla prova sul campo si sono rivelati decisamente fluidi nell’uso. Hp TouchPad ha uno schermo touch capacitivo poco più piccolo di dieci pollici con risoluzione 1.024×768 pixel, spessore di 13 mm, peso di 750 grammi. Il TouchPad sarà disponibile con 16 Gbyte o 32Gbyte di memoria, il browser supporta Adobe Flash, e il processore è dual-core con Snapdragon da 1.2GHz. La connettività sarà, in una prima fase solo Wi-Fi, ma in seguito Hp rilascerà una seconda versione di TouchPad 3G/4G.

Sempre in ambito enterprise, non va sottovalutata Samsung, che sta alleandosi con Cisco per la VPN per guadagnare l’interesse delle aziende ee dei loro rigorosi Cio. Insomma, se in ambito consumer iPad 2 ha già vinto lo scudetto 2011 e la lotta sarà per il secondo e terzo posto, tutta da giocare potrebbe essere la sfida in azienda.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore