La sicurezza IT non va in vacanza

AziendeCyberwarSicurezzaSoluzioni per la sicurezza

Estate bollente sul fronte della sicurezza. Quattrocento utenti di iTunes sono stati derubati da uno sviluppatore vietnamita che ha crackato il sito di Apple: dagli account violati su iTunes sono stati effettuati prelievi indebiti sulle carte di credito di ignari utenti per acquistare Web Apps (scaricando costosi libri digitali dall’applicazione iBook). Apple ha cancellato dozzine di applicazioni a rischio. Intanto i Mondiali di calcio sono presi di mira da phishing e spam. E anche YouTube ha subito un attacco hacker. Ecco qualche consiglio per evitare di cadere nelle trappole del cyber-crime: la sicurezza è prioritaria anche in viaggio, sotto l’ombrellone o sulla baita di montagna. Non perdiamola mai di vista

Tempi duri per la sicurezza informatica in casa e in ufficio. Le aziende sono sotto pressione a causa dei Mondiali di calcio, in cui spam e phishing (sfruttando il social engineering) fanno da padrone nelle caselle di posta, usando come veicolo il tema dei Mondiali: le truffe sono dietro l’angolo (dalle aste alle lotterie con fasulli biglietti online in cambio di dati personali sensibili).

Ma anche gli utenti consumer non se la passano tanto bene: YouTube ha subito un attacco hacker via vulnerabilità cross-site scripting.

Ma a fare scalpore è la violazione di 400 account su iTunes. Anche se Apple all’inizio minimizzava l’accaduto, lo sviluppatore vietnamita Thuat Nguyen, adesso bandito da App Store, sfruttava altrui carte di credito per acquistare le Web apps e e-books sul sito Apple. Apple ha cancellato altre dozzine di applicazioni pericolose. Il conto è risultato salato per alcuni utenti: si parla di centinaia di dollari addebitati a ciascuno.

Cosa consigliare agli utenti di iTunes? Conviene monitorare il proprio account e la propria carta di credito; cancellare i dati della carta di credito e modificare le password. Dalla sezione di supporto di iTunes stesso, ecco come procedere: per eliminare i dati immessi, bisogna effettuare login al proprio account iTunes usando il programma, verificare l’account, cancellare il numero della carta dalla casella apposita e selezionare Nessuno come metodo di pagamento.

In Rete conviene usare in certi casi carte prepagate al posto delle carte di credito. Oppure farsi segnalare con un Sms ogni acquisto fatto con la propria carta: in modo da bloccare subito la carta in tempo.

Poche settimane fa era toccato al Sindaco di New York, Michael Bloomberg, finire nel mirino degli hacker: gli indirizzi e-mail su iPad 3G (con At&t) di un’elite di 114 mila membri del governo, dell’esercito, top manager della finanza e media Usa erano stati violati e poi messi sul Web. Una pubblicazione con violazione di privacy, che metteva gli account di posta elettronica a rischio di phishing e spam.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore