La sorella cinese di Google non s’ha da fare

Autorità e normativeNormativa

Google denuncia il sito cinese suo clone. Diffidato Goojje: a causa del logo troppo simile a quello di Google

Mentre la Cina ha chiuso il sito hacke r che poteva costituire una minaccia contro gli Stati Uniti, su altri versanti non si arrestano le schermaglie sul Web fra Cina e Usa. L’ultima vittima degli attriti Google – Cina è Goojje, il sito clone della BigG, nato sulle ceneri della più intricata spy story della breve storia del Web.

Google ha denunciato a Pechino il nuovo motore Goojie (che significa “sorella maggiore di fratello Google”). Google ha diffidato il clone di usare il logo troppo simile al suo.

Gooje è sorto come sito clone di Google.cn, per funzioni, layout: ma non è Google China (nella bufera per aver tolto i filtri della censura online ), è sua “sorella”. “La sorella sarebbe molto felice se il fratello decidesse di abbandonare il progetto di lasciare il paese rimanendo con la sorella” recita il sito.

A creare Goojie sarebbe stata una studentessa della provincia meridionale del Guangdong. Come per dire: Google non può fare a meno della Cina (e dei suoi 364 milioni di utenti), ma la Cina può vivere senza Google. Una portavoce di Google ha detto oggi che la società ha chiesto ufficialmente a Goojje di smettere di copiare il logo Google. Questione di copyright.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore