La Spagna decapita la Botnet Mariposa

CyberwarSicurezza

Dopo lo smantellamento di Waldec, anche Madrid va all’assalto di una botnet che minacciava di mettere in ginocchio l’intera Spagna

Settimana scorsa Microsoft ha concorso allo smantellantento di Waledac , una Botnet responsabile di maxi diffusione di spamming. Ieri la Spagna ha decapitato la Botnet Mariposa, creata da cybercriminali iberici che avevano rubato informazioni bancarie dai Pc di tutto il mondo (informazioni sensibili di 800mila utenti).

Mariposa però era ben di più pericoloso e insidioso: la Botnet minacciava di mettere in ginocchio e paralizzare l’intera Spagna.

Responsabili del cyber-crimine erano uomini tra i 25 e i 31 anni, accusati di aver infettato più di 13 milioni di computer con uno spyware. I tre cracker non sono esperti di hacking, ma avrebbero comprato il malware sul mercatonero underground.

“Fortunatamente questa botnet di 13 milioni di computer era controllata da gente che non aveva realizzato quanto fosse potente”, ha spiegato Juan Salon, capo dell’unità cyber-crime della Guardia Civil iberica.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore