La spesa per l’high tech mostra segni di ripresa

Workspace

IDC e Aberdeen Group prevedono che la spesa per la tecnologia crescerà in tutto il mondo, quest’anno, con dati ben diversi dalla contrazione del 6,2% dei due anni passati.

Non si tratterà di un ritorno ad un tasso di crescita a due cifre come a fine anni ’90, ma l’industria IT comincia a dare i primi segni di vita. Le ultime notizie positive vengono da IDC, che prevede per la spesa IT negli Stati Uniti di quest’anno una crescita dell’1,5% rispetto all’anno scorso, per un totale di 372 miliardi di dollari. Secondo IDC, per i prossimi cinque anni, le previsioni di spesa si aggirano ad un modesto tasso di crescita annuale del 4,9%, che si concretizzerà entro il 2007 in 467 miliardi di dollari di fatturato. A livello mondiale, IDC prevede che la spesa per il comparto tecnologico crescerà quest’anno del 2,3%, per un totale di 871 miliardi di dollari. Aberdeen Group, invece, ha stimato che la spesa mondiale registrerà un incremento fino al 3,9%. Anche tra gli investitori circola un certo ottimismo. Le più importanti compagnie, come Dell Computer, IBM e Intel hanno visto crescere il valore delle proprie azioni nelle ultime settimane. Inoltre, il Merrill Lynch 100 Technology Index è cresciuto dell’11% dal 1 gennaio 2003, rispetto allo Standard & Poor’s 500 index, che ha registrato una crescita del 5%. La spesa da parte degli enti governativi dovrebbe essere decisiva nei prossimi cinque anni per far fronte a iniziative di E-government e sicurezza, secondo IDC. L’E-government è l’obbiettivo di agenzie federali e statali per fornire ai cittadini e alle società commerciali l’accesso ai servizi via internet. In generale, le industrie manifatturiere e finanziarie dovrebbero rappresentare almeno la metà della spesa totale IT, secondo IDC. La maggiore crescita di spesa si dovrebbe registrare da parte dei produttori di componentistica e dei governi. Tuttavia, altre industrie freneranno invece la spesa globale. L’industria delle telecomunicazioni, ad esempio, sta ancora soffrendo di overcapacity, mentre per l’industria del networking ci vorranno anni per una ripresa dopo la spesa enorme degli anni ’90.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore