La stampa cartacea a un bivio nell’era di YouTube e New Media

AziendeMarketing
Il New York Times vuole un Ceo esperto di Internet

Tablet, iPad, smartphone: la tecnologia per traghettare la stampa dalla carta al digitale

Sciopero al Corriere della Sera. La redazione sarebbe in “rivolta” a causa di una lettera, severa (come è dura la realtà che la stampa in crisi sta vivendo) ma aperta al confronto e al dialogo. In attesa dell’ultima copia di carta del New York Times, i giornali si interrogano sul loro futuro. Un futuro essenziale nelle democrazie liberali, ma un futuro incerto nell’era di Internet gratis, delle Web apps a pagamento e delle Web Tv.

Riassunto: il direttore Ferruccio De Bortoli scrive un’accorata lettera ai suoi giornalisti e dice di volere un Corriere 2.0 in cui le redazioni (cartacea e online) siano più integrate, in cui le Web apps del giornale digitale per iPad, iPhone e Android vengano sviluppate in maniera completa e partecipata: un Corriere 2.0 dove il successo della Web Tv non venga vissuto con malumore, bensì come una necessaria innovazione nell’era di YouTube e dei video online.

Le “regole dell’era del piombo” sono ormai anacronistiche? Le norme della preistoria analogica sono ormai da archiviare per sempre? La risposta è , anche se poi – come regola aurea – ogni redazione deve vivere in serenità e autonomia le proprie decisioni. Ma l’era di Gutenberg è finita da un pezzo e il digitale incalza. E nell’era di Internet, Google News non chiude mai (neanche a Natale) e bisogna stare al passo con i Bric e il nuovo mondo che nasce sulle ceneri del vecchio, distrutto dalla recessione.

Ecco alcuni numeri (fonte: Canalys) che possono fare riflettere e dimostrare che la “lettera di De Bortoli” è giusta nella sostanza.I tablet e gli smartphone sono mercati in crescita a doppia cifra. Mentre le vendite di giornali languono o addirittura crollano, il consumo di news (sia online che in forma di applicazioni Web a pagamento) cresce. Ma la transizione dal cartaceo al digitale costa: tutti devono fare la propria parte per salvare la “gloriosa stampa” dalla crisi? Penso di sì.

I costi non sono bassi. News Corp. di Rupert Murdoch, il primo editore a credere nella fine delle news gratis, ha acquisito la piattaforma Skiff per la lettura online: con questa mossa vuole monetizzare l’accesso alla vasta gamma di contenuti online della galassia News Corp. Si va insomma verso uno scenario informativo dominato dalle applicazioni a pagamento. In futuro si vedrà se i costi si potranno abbassare con l’advertising di Apple iAd o Google AdMob.

La stampa digitale
La stampa digitale
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore