La strategia di Acer nel dopo Lanci

AziendeDispositivi mobiliMarketingMobility

Acer cambia filosofia: si focalizzerà maggiormente sulla ricerca di profittabilità più che sull’incremento di volumi. Una strategia che ribalta l’impostazione di Gianfranco Lanci, che la scorsa settimana si era dimesso dal ruolo di Ceo

L’ex Ceo dimissionario, Gianfranco Lanci, ha cercato di fare di Acer il colosso taiwanese dei notebook sfidando il numero uno del mercato Pc, HP. Ma secondo il consiglio di amministrazione di Acer, Lanci avrebbe dovuto sfidare non solo Hp, ma anche Apple e Htc, rafforzando la strategia nel comparto mobile. Dunque Acer avrebbe dovuto essere più aggressiva nei mercati tablet e smartphone. L’approccio di Lanci consisteva nell’aumentare in modo aggressivo i volumi di vendita al fine di negoziare prezzi più convenienti con i fornitori, ma il Presidente di Acer Group, JT Wang, vuole che Acer imiti sempre di più Apple.

Lo riporta Bloomberg aggiungendo che forse più che una divergenza di vedute nella strategia è una questione di utili. Acer ha solo paragonato il margine di profitto di Acer nel bilancio dello scorso anno al 2,3% rispetto al 21,5% di Apple.

Per questo motivo Acer aumenterà gli investimenti in R&D (ricerca e sviluppo). Gartner spiega che i vendor del mercato Pc in generale devono trovare la via per creare valore innovando e trovando nuovi mercati ed opportunità: “è una grande sfida”. Poiché il brand di Acer è noto per la capacità di competere sui prezzi, ciò non aiuta la profittabilità.

Acer, che ha già presentato i suoi tablet, deve focalizzarsi maggiormente sullo sviluppo di tablet multitouch per trainare i profitti. Il tablet Acer Iconia è arrivato un anno dopo iPad, ed Apple è già alla seconda generazione del suo tablet. Più interesse nella profittabilità che nei volumi: questa è la filosofia di Acer nell’era dopo-Lanci.

Lanci lascia l’azienda nelle mani di J.T. Wang, che ricoprirà ad interim il ruolo di CEO e Presidente. La carica di Acer EMEA President, ricoperta da Lanci, viene assunta da Walter Deppeler.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore