La strategia di Amazon nell’era Mobile

Aziende
Amazon Kindle Fire 2 in tre nuovi modelli: uno da 8.9 pollici e uno 4G

La chiamano già dot-strategy: .free, .like, .game, .cloud, .news e .shop sono solo una manciata di esempi dei domini Internet che Amazon vorrebbe acquisire, per custodirli nel suo arsenale. Amazon vuole mettere la bandierina su ben 76 estensioni Internet, a partire da .amazon e .kindle. Le mosse di Amazon sul Web dimostrano che il colosso di Jeff Bezos vuole ridefinire l’e-commerce nell’era Mobile e social, impedendo che altri comprino un dominio come cioccolato.shop. Ma accanto alla dot-strategy, Amazon si muove anche nella scacchiera Mobile per conquistare gli sviluppatori del suo ecosistema, basato su Android, per Kindle e il tablet Kindle Fire

Trenta domini che Amazon vorrebbe sono contestati. E 23 se li contende anche Google. La dot-strategy Amazon dovrà vedersela con ICANN. Ma intanto Amazon ha chiesto di acquistare .free, .like, .game, .cloud, .news e .shop, oltre ad  .amazon e .kindle. Se Jeff Bezos vuole ridefinire l’e-commerce nell’era Mobile e social, impedendo che altri comprino un dominio come cioccolato.shop, la sfida è aperta.

Fra i colossi, Google ha sottoposto richieste per piu’ di 100 domini (fra cui .blog e .lol, acronimo di ‘Laughing out loud’, usato per la risata su Facebook), Amazon per circa 60 (tra cui .smile), Microsoft per 11 domini, Apple solo per uno.

Ma Amazon non ha soltanto una dot-strategy nel cassetto. Amazon sta cercando di attirare gli sviluppatori nel suo ecosistema, dedicato a Kindle e Kindle Fire, l’e-reader e il tablet basati su Android. Gli sviluppatori di apps per la piattaforma di Amazon potranno proporre le loro apps alla piattaforma internazionale Amazon Mobile App Distribution. Per invogliare chi sviluppa per il tablet Kindle Fire. Le mosse di Amazon nel risiko dei domini Internet e nel Mobile, sono lungimiranti.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore