La strategia di Cisco guarda al business

AziendeMarketing

Cisco vuole uscire dal mercato consumer. Cambiamenti in vista e tagli nel colosso del networking: il Ceo John Chambers promette “azioni mirate per riprendere slancio e riguadagnare la fiducia del mercato”

Il Ceo di Cisco John Chambers, a fronte di un’espansione in 30 nuovi business, sta affrontando un rallentamento delle vendite, ma vuole recuperare credibilità e ridare affidabilità al colosso del networking. Al management distratto dalle acquisizioni, John Chambers ha scritto un memo il 4 aprile: allo staff annuncia alcune mosse nelle prossime settimane per uscire dal mercato consumer. Ricordiamo che la divisione consumer oggi include la video camera Flip, l’home networking di Linksys, i prodotti audio e media-storage.

I cambiamenti in vista nel colosso del networking saranno “azioni mirate per riprendere slancio e riguadagnare la fiducia del mercato” come ha scritto Chambers.

Benché lo Chief Executive Officer Chambers non abbia reso noto quali contromisure voglia adottare, Wall Street scommette sull’uscita di Cisco dal mercato dei consumatori. Una mossa che offrirebbe a Cisco l’opportunità di focalizzarsi sul suo core business dei servizi alle imprese. Un business che presenta più elevati margini di guadagno: il gross margin, che misura la profitabbilità, è sceso dal 70% del 2003 al 64% dello scorso anno fiscale. Cisco potrebbe anche tagliare i costi. Licenziamenti non esclusi.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore