La strategia Microsoft per Windows Storage Server 2003

DataStorage

Microsoft collabora con i partner per offrire ai clienti tecnologie storage avanzate basate su R2

La società prosegue nel suo impegno per l’Universal Distributed Storage, collaborando con diversi partner per includere una nuova tecnologia che supporti l’interfaccia iSCSI. L’annuncio è stato dato dalla società in occasione dello Storage Networking World Spring 2006, dove ha confermato di avere compiuto importanti passi avanti in ambito Universal Distributed Storage grazie al rilascio di Windows Storage Server 2003 R2, distribuito tramite gli OEM (Original Equipment Manufacturer). Un’altra importante novità ha riguardato il supporto per l’avvio software-based da SAN di Windows usando il software Microsoft iSCSI initiator. La società ha infine presentato nuove soluzioni realizzate dai partner del programma Simple SAN for Windows Server. Ricordiamo che iSCSI significa SCSI su Ethernet, e che per implementarla è quindi fondamentale disporre di una connessione Ethernet estremamente affidabile. Questa tecnologia consente quindi di veicolare le risorse di storage attraverso il protocollo IP, superando il perimetro fisico delle SAN, e rendendo disponibile lo storage non solo attraverso la rete locale (LAN) ma anche in ambito più vasto, sulle reti geografiche attraverso Internet. L’iSCSI consente di accedere ai dispositivi via block-I/O cioè direttamente al dispositivo fisico, anzichè ad un file system condiviso come nel caso dell’NFS o SAMBA. Storage Server 2003 seconda puntata Windows Storage Server 2003 R2 è un server dedicato e ottimizzato per file e stampa ed è disponibile tramite numerosi prodotti Network Attached Storage (NAS) rilasciati dagli OEM, Microsoft. Tra le numerose soluzioni storage presentate, Storage Networking World Spring 2006, basate su Storage Server 2003 R2: PowerEdge-based Dell Storage Servers, HP ProLiant Storage Servers, IBM xSeries Storage Servers, le piattaforme LeftHand Networks SAN Filer 150 e Tacit Networks Ishared Branch Office in box. Oltre 50 software vendor, hardware vendor e solution provider si sono impegnati per integrare o per supportare Windows Storage Server 2003 R2 nei loro prodotti e soluzioni nel prossimo futuro. Quest’ampia base di supporto consentirà sicuramente alla soluzione Microsoft di diffondersi rapidamente e diventare la base di complesse soluzioni storage. Basato sul sistema operativo Windows Server 2003 R2, Windows Storage Server 2003 R2 è in grado di ridurre i costi di gestione dei dati e l’utilizzo dei dischi fino al 50% grazie a single istance storage, e consente agli utenti di trovare con facilità i documenti utilizzando la funzione di ricerca dei file tramite testo. Ricerche interne dimostrano inoltre che il prodotto ottimizza le funzionalità di file serving dei file server generici fino al 25% ed è l’unico sistema operativo NAS che consente a più utenti di lavorare sugli stessi documenti, in quanto integra Microsoft SharePoint Services. I clienti di Windows Storage Server 2003 R2 disporranno inoltre di un’elevata disponibilità, della facile integrazione con le reti SAN e, per la prima volta, della possibilità di utilizzare sia versioni a 32 sia a 64 bit. Con Windows Storage Server 2003 R2 viene ridotta la complessità dell’implementazione nelle filiali, grazie a Microsoft Distributed File System che riduce rende più semplice la replica dei file all’interno di un ampio network. SAN più accessibili Grazie all’utilizzo del software Microsoft iSCSI initiator a schede di rete standard (NIC), Microsoft supporta l’avvio software-based da SAN di Windows. L’implementazione è stata gestita insieme a IBM e ne verrà spinto l’utilizzo da parte di altri partner Microsoft per sviluppare soluzioni boot iSCSI basati su software. Con Universal Distributed Storage, Microsoft si è impegnata a massimizzare gli investimenti in tecnologie di networking esistenti, allo scopo di rendere le SAN più accessibili a tutti i clienti. Microsoft ha creato soluzioni per il l’avvio software-based da SAN di Windows basato iSCSI in risposta alla crescente popolarità del protocollo iSCSI tra i clienti di Windows. All’interno di questo programma e per offrire queste tecnologie, Microsoft sta collaborando con gli OEM produttori di server, con i network hardware vendor e solution provider. I partner che stanno implementando nei loro prodotti il l’avvio software-based da SAN di Windows basato iSCSI sono: Alacritech Inc., Broadcom Corp., emBoot Inc., IBM, Intel Corporation, Fujistu-Siemens Computers e Neterion Inc. Tra gli altri partner che hanno aderito all?implementazione di questa tecnologie nei loro prodotti ci sono: Brocade, Cisco Systems Inc., Dell Inc., EqualLogic Inc., Fujitsu-Siemens Computers, Hitachi Data Systems, HP, Qlogic Corp., Network Appliance Inc., Sun Microsystems Inc. e altri. Microsoft ha inoltre anticipato che renderà disponibile ai clienti la tecnologia WinTarget, acquisita recentemente da String Bean Software. La tecnologia iSCSI verrà offerta tramite gli OEM come feature pack di Windows Storage Server 2003 R2 per chi acquista una licenza Standard Edition o Enterprise Edition. L’integrazione di questo nuovo software iSCSI nell’hardware degli OEM consentirà di ridurre il costo dell’implementazione dei dispositivi di storage a livello di blocchi e di file del 25% rispetto all’offerta attuale del mercato. La SAN semplice Simple SAN è un’iniziativa Microsoft Partner Program che aiuta a garantire che le soluzioni SAN per la piattaforma Windows siano facili da implementare, robuste e semplici da utilizzare, e fornisce l’infrastruttura programmatica per riuscire a fare fronte alle esigenze delle piccole e medie aziende. In occasione delloStorage Networking World, importanti vendor quali EqualLogic, Hitachi Data Systems e IBM hanno presentato le loro soluzioni progettate per Simple SAN. La soluzione IBM in particolare, è in linea con la soluzione Hitachi Data Systems, integrandosi con QLogic Host Bus Adapters (HBA), con gli switch QLogic e con l’applicazione per la gestione e il provisioning dello storage QLogic VDS. L’array EqualLogic comprende Microsoft iSCSI Software Initiator e Microsoft Storage Manager for SAN.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore