La tecnologia dei web services entra in una fase critica

Aziende

Nonostante il crescente interesse, da parte delle imprese, verso i web
services, Idc richiama l’attenzione sulla necessità di un maggiore consolidamento di questa tecnologia affinché le aziende non corrano il
rischio di cocenti delusioni

Guidata dal desiderio delle aziende di ridurre i costi, la tecnologia dei web services sta diventando una strategia centrale per i dipartimenti It per risolvere I problemi di integrazione: è quanto afferma Idc che sostiene che il mercato del software destinato a supportare progetti basati sui web service passerà da 1,1 miliardi di dollari del 2003 a 11 miliardi di dollari nel 2008. Nel report realizzato dalla società di ricerca, Worldwide Web Services Software Forecast 2004-2008: Cautious Adoption Continues, si sostiene che molte organizzazioni stanno investendo oggi sulla tecnologia basata sui servizi per rispondere alle esigenze applicative di domani. Sandra Rogers, mette però in guardia sul fatto che la tecnologia dei web service sta entrando in una fase critica affermando che è necessario valutare bene la capacità di “assorbimento” di questa tecnologia da parte delle aziende, perché questa tecnologia sviluppi effettivamente risultati positivi nelle imprese, “è necessario vi sia una confluenza di tecnologia disponibile, competenze e referenze e ci vuole tempo perché questa si sviluppi. Utenti e vendor devono riconoscere e supportare un ambiente che porti, attraverso un cambiamento programmato, verso una revisione dell’architettura in senso olistico. La capacità dei vendor di supportare e aiutare il business a trasformare molteplici generazioni di web service e sistemi basati su Xml è vitale”.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore