La tecnologia e le festività natalizie

MarketingSocial media
0 1 Non ci sono commenti

Microsoft ha condotto un sondaggio a livello europeo sull’uso della tecnologia durante le festività natalizie. Oltre l’80 percento degli intervistati fa gli auguri via Skype quando è lontano da casa, e gli italiani, secondo i social media, restano i più accoglienti

Selfie, Skype e foto ai familiari dopo le abbuffate. Sono queste tre abitudini diffuse, quando si parla del rapporto con la tecnologia nei giorni di Natale. Lo svela un sondaggio condotto da Microsoft, a livello europeo, secondo il quale tra le potenzialità e i benefici della tecnologia, quando è difficile incontrarsi fisicamente, resta quello di ridurre le distanze tra le persone lontane.

Gli europei e la tecnologia nei giorni di Natale (per leggere meglio i dati basta fare clic sulla foto)
Gli europei e la tecnologia nei giorni di Natale (per leggere meglio i dati basta fare clic sulla foto)

E così l’84 percento del campione intervistato ritiene che sia una valida alternativa fare una videochiamata a un parente lontano con Skype, o addirittura scartare i regali in video. Un’abitudine però che resta abbastanza diffusa soprattutto tra i giovani se il 30 percento di chi lo fa è compreso nella fascia tra i 16 e i 24 anni e appena il 15 percento è over 55.

In tutta Europa, inoltre, oltre il 75 percento delle persone scatta selfie con i propri cari il giorno di Natale, e in questo caso anche gli over 55 si aggregano alla comitiva con il 67 percento che ammette di averne scattato almeno uno. Infine, un europeo su tre non resiste alla tentazione di immortalare i familiari durante la più profonda delle pennichelle, quella dopo le abbuffate di cenoni e pranzi di Natale.

Confermata anche la totale dipendenza dalla posta elettronica, soprattutto per i professionisti più giovani. Un terzo del campione ha infatti letto anche quella del lavoro, proprio il giorno di Natale, lo hanno fatto il 41 percento dei professionisti tra i 16 e i 24 anni, quasi uno su due di quelli tra i 25 e i 34 anni e solo il 20 percento delle persone oltre i 55 anni. Si sa, con il tempo si matura.

Infine, un gradevole dettaglio sulle abitudini degli italiani: secondo i social media sono gli italiani quelli che accolgono con maggior piacere gli ospiti per il pranzo di Natale, lo dice il 25 percento dei partecipanti, mentre i ‘freddi’ danesi sono i meno ospitali. Oltre 4 italiani su 10 non possono fare a meno della telefonata di ringraziamento e non è nemmeno vero che siamo i più pigri, infatti oltre 4 italiani su 10 pensano che collegarsi all’indirizzo del lavoro con qualsiasi dispositivo si abbia a disposizione è più che accettabile, anche se è Natale.