La tecnologia Native Client entra in Google Chrome 4.0

Workspace

Dal 2008 Google sta lavorando a Native Client, un progetto open source per sfidare Microsoft Silverlight, Adobe Flash e Java di Sun-Oracle

Google vuole flettere i muscoli del Web, integrando la tecnologia Native Client dentro il browser Google Chrome 4.0 . Il browser Chrome aumenterà il suo processing power per far grare le applicazioni Web.

Dal 2008 Google sta lavorando a Native Client , un progetto open source per sfidare Microsoft Silverlight, Adobe Flash e Java di Sun-Oracle: ora sul browser Chrome, presto forse su Chrome Os , l’anti Windows di Google.

Google Native Client è un plug-in che sfiderà Java di Sun e Microsoft Silverlight, ma anche Adobe Flash.

Google Native Client, con foundation runtime, è una tecnologia che offrirà agli sviluppatori Web accesso alla completa efficienza delle Cpu, mantenendo tre principi cardini: la neutralità del browser, la portabilità del sistema operativo e la sicurezza delle applicazioni Web. Il progetto per ora è in fase di ricerca. E fa rima alla tecnologia ibrida di Adobe, che fonde l’online con l’offline, i server con i Pc.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore