La top ten dei virus e dei falsi allarmi riportati a Sophos nel mese di Ottobre 2003

firewallSicurezza

Gibe-F e Dumaru-A rischiano di creare tensione tra gli utenti e Microsoft

Sophos ha stilato l’ultima della serie di classifiche mensili in cui figurano i dieci virus e i falsi allarmi più frequenti. Per il mese di ottobre 2003, la classifica dei virus, con il più frequente al primo posto, è la seguente: W32/Gibe-F, 22,7%, seguito da W32/Dumaru-A, 13,6%; W32/Mimail-A, 12,4%; W32/Sobig-F, 9,0%; W32/Klez-H, 4,4%; W32/Nachi-A, 4,3%; W32/Blaster-A, 2,4%; Troj/CoreFloo-C (nuovo) 2,1%; W32/Bugbear-B, 1,6%; W32/Rox-A, 1,0%, altri, 26,5%. Non c’è stato alcun cambiamento nei primi tre posti in classifica questo mese, ha commentato Carole Theriault, security consultant di Sophos. Con oltre il 36% delle segnalazioni, Gibe-F e Dumaru-A minacciano di mettere in crisi il rapporto di fiducia tra gli utenti e Microsoft: entrambi i virus infatti si presentano come patch di sicurezza inviate dal supporto tecnico di Microsoft. l’installazione di un anti-virus sul desktop permette di bloccare immediatamente i virus, indipendentemente dal fatto che arrivino via e-mail oppure tramite le chat o i sistemi peer-to-peer. Questo mese abbiamo anche un’interessante new entry, CoreFloo-C, un cavallo di Troia che consente ad un intruso di accedere ad un computer tramite l’Internet Relay Chat (IRC) e di prenderne il controllo. È la prima volta quest’anno che un Trojan entra in classifica, dominata fino ad ora dai virus Windows 32, ha aggiunto Carole Theriault. Sophos attualmente è in grado di proteggere da 85.357 virus. Per quanto riguarda invece i dieci principali falsi allarmi segnalati a Sophos nel mese di ottobre 2003, al primo posto Hotmail hoax, col 34,9% di segnalazioni, seguito da Meninas da Playboy, 12,1%; Bonsai kitten, 6,2%; JDBGMGR, 5,0%; Budweiser frogs screensaver, 4,4%; WTC Survivor, 2,9%; Frog in a blender/Fish in a bowl, 2,8%; Bill Gates fortune, 2,7%; A virtual card for you, 2,6%; Welcome to the Matrix, 0,7%; altri, 25,7%. La new entry nella classifica di ottobre è Welcome to the Matrix, ha continuato Carole Theriault. Il falso allarme è in francese ed avverte i destinatari di non aprire nessuna presentazione in Power Point che sia intitolata Welcome to the Matrix. Esattamente come alcuni dei virus maggiormente in circolazione questo mese, anche questo falso allarme mette a rischio la credibilità di Microsoft, poiché in alcuni casi sembra provenire dal suo servizio di supporto tecnico.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore