La trasformazione digitale sotto la lente di Idc

AziendeMercati e Finanza
La trasformazione digitale sotto la lente di Idc: sicurezza a braccetto di mobility
1 2 Non ci sono commenti

Si aumenta la produttività in azienda con maggiore mobilità e sicurezza. Una ricerca di Idc, commissionata da Microsoft e Intel, sulla trasformazione digitale

La trasformazione digitale, che mette l’IT al centro del business, consente alle aziende italiane di abilitare processi di riduzione dei tempi, migliorando produttività, sicurezza e potenziando il workflow.

Da una ricerca di Idc, emerge che si aumenta la produttività in azienda con maggiore mobilità e sicurezza. Lo studio, commissionato da Microsoft e Intel, mette al microscopio l’evoluzione del ruolo dell’IT nell’imprenditoria italiana, dopo il debutto di Windows 10 e dei processori Intel Core vPro.

La trasformazione digitale sotto la lente di Idc: sicurezza a braccetto di mobility
La trasformazione digitale sotto la lente di Idc: sicurezza a braccetto di mobility

Cloud computing, social business, big data, analytics e mobility, stanno cambiando lo scenario dei processi lavorativi: cambiano non solo la fruizione, ma anche il modo in cui la tecnologia nel mondo del business viene sviluppata, distribuita e venduta.

La mobility ha il maggior impatto nelle interazioni fra utente e azienda e nella produttività personale di ogni lavoratore. Il 43% degli intervistati ha già implementato una propria strategia mobile, mentre il 34% sta affrontando il passaggio alla mobilità.

Con l’introduzione di tecnologie capaci di erogare elevati livelli di prestazioni e sicurezza integrata nell’hardware, Intel affianca le aziende nello sviluppo di progetti atti a migliorare l’efficienza dei processi interni, la produttività e la fruizione in tempo reale delle informazioni, definendo così un nuovo standard del business computing che vede nella mobility una modalità di lavoro sempre più diffusa ed efficace“, ha precisato Carmine Stragapede, Direttore Generale di Intel Italia

Ma la mobilità deve andare a braccetto con la sicurezza. Un’azienda su 3 tra quelle che hanno implementato una strategia mobile, è consapevole dell’esigenza di mettere in sicurezza il dispositivo, ma anche l’accesso alle informazioni: la sicurezza dei dati deve essere sicura, senza ostacolare la produttività.

Il 50% delle aziende intervistate è favorevole all’adozione di Windows 10 e il 25% ritiene utile l’aggiornamento costante. Microsoft e Intel scommettono sulla protezione dei dati sensibili: oltre il 38% considera fondamentale l’aggiornamento continuo e costante per tutelare la propria infrastruttura IT.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore