La trimestrale di Intel batte le previsioni

AziendeMercati e Finanza

Intel ha registrato una perdita, ma dovuta al pagamento della maxi-multa Ue. Intel rimane ottimista sulla seconda metà dell’anno. Boom dei ricavi per Intel Atom, il chip dei netbook

Intel continua a vedere l’uscita dal tunnel. Intel, che è stata la prima ad affermare che era stato toccato il fondo, ha archiviato il secondo trimestre con una perdita di 398milioni di dollari, dovuta alla maxi-multa Antitrust della Ue. Intel ha registrato una perdita pari a 7 centesimi per azione, contro i profitti da 1.6 miliardi di dollari o 28 centesimi per azione di un anno fa.

Ma sui conti di Intel pesa la stangata da 1.45 miliardi di dollari i nflitti dall’Antitrust Ue.

Senza la multa, Intel avrebbe registrato utili da un miliardo di dollari, pari a 18 centesimi per azione, superiore agli 8 centesimi degli analisti. Intel batte le previsioni e rimane ottimista sulla seconda metà dell’anno. Il Ceo di Intel Paul

Otellini afferma che il secondo trimestre riflette i miglioramenti del mercato Pc, con il miglior passaggio primo-secondo trimestre dal 1988: secondo Intel, si vedono segnali di ripresa per un forte secondo semestre dell’anno. Nel primo trimestre gli utili di Intel erano crollati del 90%.

I ricavi si attestano a 8 miliardi di dollari, in calo rispetto ai 9.5 miliardi di un anno fa. Il fatturato di Intel Atom è cresciuto del 65% a quota 362 milioni di dollari.

Leggi: Budget IT: segnali di stabilizzazione

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore