La trimestrale di Intel convince, trainata dai notebook a doppia cifra

AziendeMarketingMercati e Finanza

Ibm cresce ma Wall Street penalizza il titolo. Invece Intel guadagna grazie alla crescita a doppia cifra del segmento notebook

Ibm archivia il trimestre registrando un incremento del 7,8% del fatturato, che si attesta a 26,16 miliardi di dollari; anche gli utili salgono da 3,59 a 3,84 miliardi, pari a un rialzo da 2,82 a 3,84 dollari per azione. Ma Wall Street ha punito il titolo di Ibm perché, dopo aver messo a segno contratti di servizio per 12,3 miliardi di dollari, in crescita del 12% rispetto al pari periodo dell’anno precedente, in realtà registra un calo su base consecutiva (il trimestre precedente registrava contratti per 14,3 miliardi di dollari).

Invece il titolo di Intel cresce, con ricavi che balzano a quota 14.7 miliardi di dollari. La buona notizia è che il segmento notebook cresce a doppia cifra, dopo le difficoltà degli ultimi mesi. Un incremento che smentisce le precedenti previsioni negative: sembrava che il consumer snobbasse il mercato Pc in favore di smartphone e tablet. Intel approfitta anche dei ritardi di Amd.

A trainare la trimestrale di Intel sono anche i mercati emergenti. Intel registra vendite in crescita del 28% a quota 14.2 miliardi di dollari; Gli utili passano da 2.96 miliardi di dollari, o 52 centesimi di dollaro, a 3.47 miliardi di dollari, pari a 65 centesimi per azione.

Ultrabook
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore