La trimestrale di Samsung recupera e guarda al futuro

AziendeMercati e Finanza
La trimestrale di Samsung recupera e guarda al futuro

Nel breve termine, l’aziende punta su Galaxy A e J, ma sulla lunga distanza scommette su Galaxy S8 con assistente vocale e multi-sensoriale, su Internet of things (IoT) e Artificial intelligence (AI), ma anche Automotive. La trimestrale di Samsung

Il caso delle batterie incendiarie del Note 7 è ormai alle spalle. La trimestrale di Samsung recupera redditività, i conti non andavano così bene dal 2013 e l’azienda sud-coreana guarda con serenità al futuro.

La società ha archiviato il trimestre, registrando un fatturato consolidato pari a 45,5 miliardi di dollari e 7,93 miliardi di dollari, con un balzo in avanti del 50%, come risultato operativo. A trainare è il business dei semiconduttori. La diversificazione di Samsung ha permesso di mantenere alta la redditività, anche dopo il caso Note 7. Nel breve termine, l’aziende punta su Galaxy A e J, ma sulla lunga distanza scommette su Galaxy S8, su Internet of things (IoT) e Artificial intelligence (AI), ma anche Automotive, dopo l’acquisizione di Harman International per 8 miliardi di dollari.

La trimestrale di Samsung recupera e guarda al futuro
La trimestrale di Samsung recupera e guarda al futuro

I 6 miliardi di dollari bruciati nel richiamo degli sfortunati Note 7 sono ormai archiviati: un ricordo del recente passato. Ma Samsung può voltare pagina, in attesa del lancio (non a Mwc, ma forse ad aprile) dell’attesissimo Galaxy S8. Samsung dovrebbe distribuire almeno 5 milioni di Galaxy S8 a partire dal debutto, per totalizzare 60 milioni di unità entro la fine dell’anno.

Secondo le indiscrezioni, Samsung Galaxy S8, che sarà disponibile in un unico modello dai bordi curvi, manderà in pensione il tasto Home e vanterà un assistente vocale e multi-sensoriale completamente nuovo, Bixby, in grado di riconoscere oggetti e testi attraverso le fotocamere dello smartphone. In stile Goggles, potrà riconoscere oggetti e testi tramite le fotocamere dello smartphone. Inoltre, Galaxy S8 sarà il primo smartphone sotto la cui scocca ruggirà un Qualcomm Snapdragon 835. Con l’addio al tasto Home, pare che il sensore di impronte digitali potrebbe essere spostato sul retro o addirittura essere implementato all’interno dello stesso display.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore