La Tv della metropolitana

AccessoriWorkspace

Da una ricerca Unicab emerge che oltre il 60% della audience dell’Outdoor Tv di Telesia presente nella metropolitana di Milano e Roma è composto da chi in famiglia gestisce gli acquisti

Le ultime indagini di Unicab sul pubblico della Tv della metropolitana di Telesia, società controllata da Class Editori, hanno confermato una presenza prevalente del cluster delle Responsabili di Acquisto all’interno dell’audience quotidiana. Il 60,5% è rappresentato da persone che esercitano una funzione

di monopolio esclusivo e di indirizzo nelle spese familiari. Si tratta in prevalenza di donne, ma con una consistente percentuale di uomini, soprattutto rispetto al profilo R.A. del totale Italia, indice di un modello di gestione familiare più moderno ed evoluto rispetto a quello della famiglia

tradizionale.

Interessante il profilo delle Responsabili di Acquisto che utilizzano la metropolitana e che, quindi, vedono la Tv della metropolitana di Milano e Roma e il confronto tra queste e il modello tradizionale: si tratta di una Responsabile Acquisti più giovane e dinamica rispetto alla media nazionale,

caratterizzata da un più alto livello di istruzione (p iù dell’80% ha un titolo di studio superiore) e da modelli di vita urbani e dinamici e, soprattutto, dal fatto di combinare il ruolo di persona che gestisce la famiglia accanto alla propria attività lavorativa e professionale. La maggioranza delle R.A., infatti,

ha un impiego e utilizza frequentemente la metropolitana e per recarsi sul posto di lavoro.

Le Responsabili di Acquisto della Tv della metropolitana risultano essere, quindi, un target estremamente interessante: moderne, urbane e dinamiche e impegnate in ruoli decisionali sia in famiglia che al lavoro. L’alto profilo e la capacità di spesa le rende un pubblico utile per sviluppare ogni tipo di campagna, da quella più tradizionale di beni di consumo, del settore alimentare, di prodotti per la casa e per l’igiene a quelle per beni e servizi più innovativi, che si rivolgono ad un pubblico di individui più dinamici e modern i.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore