La Tv Digitale manda in pensione la vecchia Tv

AccessoriWorkspace

Dal 3 aprile, chi vuole acquistare un televisore trova a scaffale solo modelli di Tv con decoder integrato per il Digitale terrestre (Dtt). DgTvi spiega che il pensionamento della vecchia Tv analogica, senza decoder Dtt integrato, è un obbligo legislativo. In attesa dello switch-off definitivo del 2012,le prossime tappe di passaggio graduale al Digitale terrestre riguardano Piemonte (occidentale) a fine maggio, Lazio e Campania. Ecco la roadmap

La Tv analogica ha le ore contate: da l 3 aprile 2009 deve fare spazio ai televisori con Digitale terrestre integrato.

Dal 3 aprile sono a scaffale s olo Tv con decoder integrato per il Digitale terrestre. DgTvi spiega che il pensionamento della vecchia Tv analogica senza decoder Dtt integrato, è un obbligo legislativo.

Per il mercato Consumer Electronics, che nel 2007 ha trainato il mercato, potrebbe essere una buona notizia: nel quarto trimestre ha registrato un crollo significativo, pari al 7,6%, rispetto allo stesso trimestre del 2007, determinando così un rallentamento della crescita, che si attesta ad un modesto 1,7% su base annuale (fonte: Sirmi). Ma il passaggio al Digitale terrestre potrà stimolare la domanda.

In attesa dello switch-off definitivo del 2012, in cui la Sardegna è stata apripista del passaggio italiano al Digitale, il prossimo switch-over avverrà il 20 maggio nel Piemonte occidentale (Torino e Cuneo), quando Raidue e Retequattro migreranno solo in Dtt. Il 16 giugno sarà la volta del Lazio (esclusa Viterbo) e il 10 settembre toccherà alla Campania.

Piemonte orientale e Lombardi a (tranne la provincia di Mantova) vareranno il passaggio nel primo semestre del 2010 insieme a Marche, Abruzzo, Molise, Basilicata e Puglia.

Nella seconda metà del 2010 migreranno al digitale anche Emilia Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Liguria (tranne la provincia di La Spezia) e la provincia di Mantova.

Nel 2012, infine, toccherà a Toscana, Umbria e alle province di Viterbo e La Spezia nel primo semestre; Sicilia e Calabri a concluderanno il girone nel secondo semestre. E a quel punto l’Italia televisiva sarà tutta Digitale: liberando frequenze utili per la telefonia e la banda larga mobile.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore