La Ue guarda con sospetto Google Street View

Autorità e normativeSorveglianza

Il servizio di mappe al livello stradale nasconderà i volti, ma non tutti credono nella totale efficacia dell’algoritmo di offuscamento

Google sta da settimane fotografando Milano e Roma per mettere online il servizio Google Street View, con le mappe delle città con vista al livello della strada: Google Street View fin da subito negli Stati Uniti ha sollevato un allarme privacy. L’anno scorso a scatenare furibonde polemiche fu un tanga, immortalato mentre una ragazza entrava nella sua auto: la vista al livello del marciapiede

non aveva risparmiato neanche un indumento intimo. Seguirono le scuse di Google, ma la frittata era fatta . Google Street View è poi tornato alla ribalta catturando i dettagli di un’installazione militare , e mostrando l’invasività di questo servizio. Ora che sta per sbarcare in Europa , l’U nione europea guarda con maggiore sospetto Google Street View.

L’Unione europea sostiene che le immagini sulle mappe saranno un problema: Peter Hustinx, dell’European Union Data Protection Supervisor, non fa sconti.

Google risponde che il servizio Street View, curioso ma invadente, nasconderà i volti e le targhe delle auto, ma c’è chi teme che non tutto sarà offuscato. Invece Google confida nella bontà e nell’e fficacia del suo algoritmo di oscuramento. L’Unione europea di certo non sarà distratta: la privacy online non è un optional.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore