La UE ha l’ambizione di creare il mercato unico digitale

E-commerceMarketing
Approvato il nuovo regolamento per la protezione dei dati nella UE
2 5 Non ci sono commenti

La Commissione europea (EC) vuole ritoccare le normative sul copyright e sull’e-commerce, per creare il mercato unico digitale. Verso il Digital Single Market

La Commissione europea (EC) vuole ritoccare le normative sul copyright e sull’e-commerce, per creare il mercato unico digitale. Il progetto più ambizioso della UE si chiama Digital Single Market, ma per raggiungere la meta deve eliminare le barriere trans-frontaliere oggi esistenti.

La UE ha l'ambizione di creare il mercato unico digitale
La UE ha l’ambizione di creare il mercato unico digitale

Una proposta consiste nel modernizzare le normative sul copyright nel’Unione europea (UE) per consentire alle persone di viaggiare attraverso il continente, rimanendo connessi ai servizi online e ai contenuti digitali, nell’era dello streaming. Oggi, infatti, l’accesso a Netflix o a Spotify s’infrange sui confini nazionali.

La Commissione europea pensa di risolvere questo ostacolo dal 2017, introducendo un regolamento che consenta la portabilità dei servizi d contenuti online e in streaiming attraverso i confini. Bisognerà armonizzare le normative nei 28 Paesi Ue. La nuova cornice sul copyright sarà aggiornata nel 2016: primo, per facilitare un più ampio accesso ai contenuti digitali nella Ue, in un mercato unico; secondo, per identificare e chiarire le eccezioni al copyright per consentire a ricercatori e lavoratori nel settore education di avere pari opportunità di accesso alle informazioni nella Ue; terzo, va valutato l’impatto del fair sharing.

Il nostro obiettivo consiste nel migliorare la circolazione dei contenuti, offrire più scelta agli europei, nel rafforzare la diversità culturale e fornire più opportunità al settore creativo“, ha spiegato la Commissione.

Ma per realizzare un mercato unico digitale, sarà necessario rivedere anche le normative sull’e-commerce, proponendo nuovi contratti digitali, per consentire di vendere in ognuno dei 28 stati membri. Oggi solo il 12% dei retailer europei vende online a consumatori di altri Paesi, perdendo occasioni di crescita.

Uno dei primi effetti del Digital Single Market nel 2017 sarà la fine del roaming UE.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore