La Ue manda il fiduciario a monitorare Microsoft

Aziende

La Commissione europea nomina Neil Barrett per verificare che Microsoft rispetti le decisioni antitrust

Nelle scorse settimane Microsoft è ricorsa al tribunale per congelare una decisione, relativa a quelle in materia antitrust prese nel marzo 2004, in quanto Microsoft non vorrebbe fornire accesso ai competitor alle infermazioni necessarie per l’integrazione dei software su Windows. Dopo il disgelo, torna l’autunno sul caso Microsoft-Ue. E oggi la Commissione europea, senza aspettare la decisione del Tribunale europeo di primo grado, ha nominato un fiduciario per verificare se Microsoft stia adempiendo alle decisioni del marzo 2004. La Ue ha scelto come fiduciario Neil Barrett, candidato proposto dalla stessa Microsoft. Il mandato del fiduciario avrà effetto immediato e dovrà controllare che Microsoft rispetti le decisioni, in seguito alla maxi multa per abuso di posizione dominante.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore