La Ue promuove Google sulla Privacy

Autorità e normativeSorveglianza

Il dimezzamento degli archivi dei dati personali trova il consenso dell’Unione europea

Mentre Google rimane nell’occhio del ciclone dell’Antitrust Statunitense, a causa dell’accordo sull’advertising online con Yahoo!, il motore di ricerca ottiene un’inattesa promozione in Europa. Dopo mesi di rapporti ai ferri corti con l’Unione europea, a causa della Privacy in Rete, si allenta la tensione fra Google e la Ue. L’Unione europea approva il dimezzamento degli archivi dei dati personali deciso da Google.

Infatti Google ha deciso di dimezzare i diciotto mesi di data retention delle informazioni riservate collezionate, a solo nove mesi. Un passo avanti nella tutela delle abitudini di navigazione nel web dei propri clienti. La Ue in realtà vorrebbe ancora uno sforzo da parte di Google: arrivare a sei mes i. Ma il passo avanti della BigG merita comunque un elogio, sembra dire la Ue.

Il motore di ricerca ha intrapreso novità in merito alla privacy dei dati degli utenti, in seguito alle roventi critiche (da parte di Eff soprattutto) in tema di privacy.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore