La UE vara il mercato unico digitale, ma sono esclusi musica e e-book

Autorità e normativeNormativa
L'Europa necessita 800 miliardi di investimenti in infrastrutture digitali
1 2 Non ci sono commenti

Cadono le frontiere nel commercio elettronico, ma le barriere rimangono nell’alveo dello shopping online di musica e servizi come e-book, software e giochi

L’Unione europea (UE) vara il pacchetto per aprire il mercato unico al digitale, per semplificare il commercio elettronico in Europa, ma dal Digital single market rimangono esclusi musica, giochi, software e e-book. Cadono le frontiere nel commercio elettronico, ma le barriere rimangono nell’alveo dello shopping online di musica e servizi come e-book, software e giochi. In questo settore, sarà probabilmente necessario modernizzare e armonizzare le normative sul copyright.

La UE vara il mercato unico digitale, ma sono esclusi musica e e-book
La UE vara il mercato unico digitale, ma sono esclusi musica e e-book

Il divieto di geo-blocking non varrà per gli store musicali e di alcune tipologie di apps. Ma la Commissione europea spera che in futuro potranno essere comprati brani musicali, app o libri elettronici anche negli store diversi da quelli del proprio Paese.

Il mercato unico digitale europeo, secondo Netcomm, sarà un volano per l’e-commerce e il made in Italy, dal momento che oggi solo il 5% delle vendite italiane avviene in Rete e soltanto il 12% dei retailer europei vende online a consumatori di altri Paesi. Il mercato unico digitale potrà offrire nuove occasioni di crescita. I commerci online transfrontalieri dovrebbero crescere del 15%.

L’e-commerce sfiora i 20 miliardi di euro, mentre gli italiani che acquistano in Rete ammontano a quasi 19 milioni. L’m-commerce sfiora i 3 miliardi di euro, mentre l’export vale 3,5 miliardi di euro.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore