La Ue vuole più tutele per il turismo online

E-commerceMarketing

La Ue studia regole più stringenti per i siti Web che vendono pacchetti vacanze dinamici, per tutelare i turisti 2.0 dai fallimenti di tour operator

L’Unione europea vuole maggiori regole, garanzie e tutele per il turismo online. La Ue prepara regole più rigorose e severe per i siti Internet che vendono pacchetti vacanze sul Web, per tutelare i turisti 2.0 dai fallimenti di tour operator.

Sono in grande crescita le vendite online di prenotazioni di “pacchetti dinamici” (volo, alloggio, affitto auto e altri servizi sono forniti da provider differenti, ma tramite un unico sito web).

Le regole Ue sono precedenti al Web e proteggono i consumatori solo se volo, alloggio e altri servizi sono offerti dal medesimo provider. Ma l’online ha cambiato il mercato.

Gli utenti di siti come Expedia e Opodo hanno sorpassato la soglia dei 100 milioni. E la Ue vuole correre in soccorso dei turisti 2.0.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore