La Ue vuole un mercato unico degli e-content

Autorità e normativeNormativa

L’Europa si avvia sulla strada del mercato unico europeo dei contenuti digitali: prima tappa a fine febbraio

La Ue vuole un mercato unico degli e-content ovvero dei contenuti digitali, a partire da metà 2008. Il mercato unico dei contenuti online dentro l’Unione europea avrà però bisogno di regole: la Raccomandazione del Parlamento e del Consiglio d’Europa è prevista entro metà del 2008, e si baserà sul documento, frutto di discussioni pubbliche, intitolato Creative content online in the single market.

Il documento invita a cercare “soluzioni innovative e collaborative per sfruttare i contenuti online”, evitando di impantanarsi nei problemi di pirateria.

Servono licenze multinazionali, codici di condotta e nei Drm e sistemi anticopia serve invece maggiore interoperabilità.

La nuova consultazione pubblica, voluta dal commissario europeo ai media per la società dell’informazione e i media, Viviane Reding, proseguirà fino al 29 febbraio. Se l’Europa aspira a un’industria dell’intrattenimento, ha commentato la Reding, allora deveoffrire “certezza legale all’industria, equa compensazione ai creatori di contenuti e una ricca varietà di offerta ai consumatori”.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore