La virtualizzazione secondo Ibm

CloudServer

Dal software ai sistemi, Ibm rende disponibili nuove tecnologie di virtualizzazione

La società ha presentato nuove proposte Virtualization Engine, che consentono di virtualizzare un maggior numero di risorse in maniera semplificata, permettendo ai clienti di ridurre significativamente i costi dell’IT e semplificare la gestione operativa del business. IBM ha poi avviato un programma che consente agli Indipendent Software Vendor di creare soluzioni sulle piattaforme di virtualizzazione IBM per ridurre i tempi di design una volta disponibili componenti base precollaudati. In particolare, i nuovi annunci relativi alla virtualizzazione comprendono: nastri virtualizzati per sistemi aperti, console WEb di virtualizzazione per server Unix, disponibilità di software per la gestione di sistema, piani per una nuova versione del software per la virtualizzazione storage e piani per switch di virtualizzazione xSeries punto di controllo. Le nuove funzioni di virtualizzazione annunciate rappresentano la nuova fase dell’impegno assunto da IBM per estendere la virtualizzazione su tutta la propria linea di sistemi. Lo scorso luglio IBM ha introdotto Virtualization Engine 2.0 nell’ambito della propria Systems Agenda. IBM ha anche annunciato che la Virtualization Engine Family ha lanciato un programma “Ready for Virtualization” che permette agli ISV di collaudare e convalidare le rispettive soluzioni di virtualizzazione sulle piattaforme IBM eServer.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore